+39 0743 221221

I Primi d’Italia 2019 – 26/29 Settembre

A pochi km da Spoleto la nuova edizione de I Primi d'Italia 2019! Non perdertela!

Che delizia l’Umbria a Settembre! Tutto pronto per la nuova prelibata edizione de I Primi d’Italia 2019

La vita è una combinazione di pasta e magia…

Non c’è migliore definizione che descriva il significato della pasta in Italia, per gli italiani e per tutti i visitatori che in questo Paese giungono proprio per deliziarsi con quello che è un vero culto culinario mondiale. Federico Fellini descriveva così impeccabilmente il sentimento attraverso il quale il popolo italiano porta avanti una tradizione ormai millenaria tra ricette segrete, arte e tanta passione. Un sentimento incondizionato lungo tutto lo stivale, che da nord a sud presenta i suoi piatti speciali con relative manifestazioni della migliore pasta italiana. Tra i più importanti festival dedicati ai primi piatti italiani c’è un evento che si svolge in Umbria e che per la ventunesima edizione è pronto ad intrattenere i palati di migliaia di partecipanti. Arriva a Foligno dal 26 al 29 Settembre 2019, la manifestazione de “I Primi d’Italia 2019”.

Ogni anno a Foligno si presenta una imperdibile occasione di incontro per gli amanti della pasta, alla ricerca delle migliori ricette. La rassegna diventa una incredibile rappresentazione dei mille significati che emergono nel cucinare ed assaggiare questo speciale alimento. Un’esperienza che trascende il solo, seppur centrale, aspetto sensoriale. Si tratta piuttosto di voler riaffermare una connotazione identitaria riconosciuta ed apprezzata sempre di più in ogni angolo del il mondo. Assaggiare le tradizionali ricette di pasta italiana significa ripercorrere un affascinante viaggio tricolore. Sembra accertato che il mangiare bene aiuti ad osservare e vivere la vita sotto una prospettiva diversa. Emozioni e sensazioni uniche che la rassegna de I Primi d’Italia 2019 si appresta a far vivere ancora a tutti i suoi partecipanti. In occasione della più importante manifestazione dedicata alla cucina italiana dei primi italiani, il centro di Foligno sarà interamente coinvolto in animate e sfiziose iniziative adatte a tutti.

Nelle suggestive vie e negli imponenti palazzi storici saranno protagonisti pasta, riso, zuppe, gnocchi, polenta e prodotti agroalimentari. Particolarmente presente nel festival dei primi piatti italiani è l’elemento festoso con cui si veste il cuore di Foligno. ll fine ultimo sarà come sempre la promozione sotto ogni aspetto della cultura del buono e sano primo piatto in tavola. Quattro giorni full immersion tra:

  • degustazioni continuative
  • lezioni di cucina
  • dimostrazioni di Chef stellati
  • produzioni alimentari di qualità
  • spettacolo ed intrattenimento
  • appuntamenti per bambini.

Un mondo dedicato alla magia dei primi piatti dove tutte le vie portano al gusto.

La millenaria storia d’amore tra l’Italia e la pasta: dove e quando nasce il primo piatto?

Si è detto di quanto sia profonda e variegata la storia che porta ad essere la pasta uno degli alimenti oggi più consumati al mondo. Ma quando è stato inventato e consumato il primo piatto di pasta?

Tra addetti ai lavori e semplici amanti, tutti ci siamo più volte posti questa domanda. Ebbene, secondo alcune leggende pare possibile collocare l’invenzione della pasta in epoche lontanissime. A dire il vero ritrovamenti concreti sono stati davvero pochi almeno fino al Medioevo. Ecco perché in varia misura hanno trovato diffusione diverse leggende legate alla nascita della pasta. Una di tali storie ci parla di un ritrovamento datato ben 4000 anni fa che poco avrebbe a che fare con l’Italia. Si tratta di pasta di miglio attribuibile alla tradizione della odierna Cina datata. Evidente è però la diversa natura rispetto alla pasta occidentale, il che rende opportuno ricollocare la nascita della stessa nella più vicina area mediterranea.

La prima oggettiva testimonianza italiana della pasta è data tuttavia dal ritrovamento avvenuto in una tomba etrusca di Cerveteri, risalente al IV secolo a.c. Ben noto è anche che nell’epoca romana fosse in uso la pratica di impastare la farina con l’acqua. Quello stesso impasto che veniva poi steso in una sorta di sfoglia chiamata all’epoca “lagana”.  Elementi fondamentali come varietà di forme, modalità di cottura e invenzione della pasta secca a lunga conservazione portano dunque al Medioevo. Sulla base di ciò, sembra doveroso attribuire la paternità della pasta secca ai ricettari arabi. Una teoria che ben si collega alla Sicilia del XII secolo, dove si ricorda la presenza di una vera industria di pasta secca non lontano da Palermo.

Grandi nomi, conferme e tante novità per il programma della XXI edizione de I Primi d’Italia a Foligno

Dal 26 al 29 settembre 2019 torna il Festival Nazionale dei Primi Piatti d’Italia. Gli organizzatori di Epta Confcommercio Umbria stanno dunque mettendo a punto quello si annuncia essere un programma ricchissimo e gustoso. La più importante e frequentata manifestazione dedicata a questo tema, vedrà ancora come fulcro i “Villaggi dei Primi”. Nelle più interessanti location del centro storico sarà possibile degustare oltre cento ricette di primi tra:

  • pasta lunga e corta
  • riso e risotti
  • zuppe
  • gnocchi
  • polenta
  • piatti tipici delle tradizioni locali
  • rivisitazioni e interpretazioni Chef stellati Michelin

ogni villaggio sarà dunque dedicato ad una specialità, tipiche di un determinato luogo e con diverse opzioni di assaggi. Un calendario di appuntamenti che guarda anche ai bambini. Grazie a I Primi d’Italia Junior  quest’ultimi potranno partecipare a laboratori ed attività ludiche. Al pranzo della domenica inoltre sono previste coinvolgenti animazioni dedicate ai piccoli ed alle loro famiglie. Presso la Boutique della Pasta” saranno esposte ed in vendita le migliori paste artigianali italiane, selezionate appositamente per l’occasione.

Esperienza tutte da vivere a I Primi d’Italia 2019 tra storia, arte e grandi ospiti

Da sempre molto atteso l’appuntamento con “A Tavola con le Stelle” Il pubblico presente a questo evento ha la grande occasione di assaggiare piatti di veri maestri. Quest’anno le specialità saranno proposte da:

  • Valeria Piccini del ristorante da Caino di Montemerano
  • Marco Bottega del ristorante Aminta di Genazzano
  • Silvia Baracchi del Falconiere di Cortona

Si parla di tre stellati della guida Michelin di altissimo livello. Una ulteriore conferma di eccellenza e qualità per una manifestazione da sempre in grado anche di innovarsi. La nuova proposta del 2019 è data dalla presenza dello “Chef Atomico” Andrea Mainardi, che inaugurerà il festival.

Le sorprese però non finiscono qui; a 500 anni dalla scomparsa di Leonardo Da Vinci, a I Primi d’Italia 2019 sarà ricordato anche il genio italiano con una mostra ed un convegno a lui dedicati. Pare che il più importante artista, scienziato ed inventore della storia italiana avesse a che fare anche con la pasta! A lui sarebbe infatti riconducibile l’invenzione della prima macchina degli spaghetti della storia.

  • Per maggiori informazioni è possibile rivolgersi allo 0755005577 oppure scrivere a info@eptaeventi.it. Il programma definitivo e altre curiosità si trovano sul sito ufficiale della manifestazione!

L’Umbria si conferma regina della tradizione culinaria in Italia! A pochissimi minuti da Spoleto c’è il più importante evento in Italia dedicato ai migliori primi piatti!

Approfittate qui di un delizioso soggiorno di fine Settembre!