+39 0743 221221

Festa di San Ponziano – 14 Gennaio 2020

Celebrazioni oltre l’Epifania; Gennaio è il mese della festa di San Ponziano patrono di Spoleto

“L’Epifania tutte le feste le porta via!”. Un detto storico e senza dubbio vero..tranne che a Spoleto.
Il 06 Gennaio rappresenta l’ultima tradizionale e sentitissima ricorrenza delle feste di Natale, in cui si ricorda l’avvento dei Re Magi. L’Epifania viene celebrata in tante città italiane e di tutto il mondo con l’arrivo della Befana, tra eventi folkloristici e bancarelle (da non perdere ad esempio la Festa in Piazza Navona). Dal giorno successivo vengono spente quelle suggestive ed originali luminarie che tante emozioni regalano ad ognuno di noi. Ci sono però dei luoghi in cui la storia regala la possibilità di prolungare questi magici momenti invernali. Il mese di Gennaio in Umbria è anche sinonimo di festa di San Ponziano patrono di Spoleto. Una sentitissima ricorrenza cittadina che ricorda il martirio del Santo Patrono e che ogni anno raccoglie tutta la comunità oltre a curiosi turisti alla scoperta di percorso liturgico ed artistico di notevole interesse.

La festa di San Ponziano è ben evidente anche nel ricco programma di Spoleto d’Inverno, che sta già regalando momenti di sano e ricco intrattenimento. Con questa annuale celebrazione, Spoleto e l’Umbria si arricchiscono di una nuova esperienza da fare in inverno. Ma quando si celebra la festa del Santo Ponziano da Spoleto?

In realtà si tratta di un evento che comprende alcune emozionanti giornate fino ad arrivare al clou del 14 Gennaio, giorno in cui si concentrano le varie celebrazioni intorno alle spoglie del Santo Patrono. La tradizione vuole che i giorni antecedenti alla giornata clou, siano caratterizzate da eventi e celebrazioni a cui partecipano anche Chiese e borghi limitrofi. Un intenso cammino di accompagnamento fino al giorno più atteso. Ogni 14 Gennaio le reliquie del martire vengono riportate nel monastero di Spoleto con annessa Basilica a lui dedicati. Il tutto si svolge con la celebre processione di San Ponziano, aperta da imponenti cavalli e solenni cavalieri. Non a caso Ponziano da Spoleto, nell’iconografia locale, è raffigurato a dorso di un cavallo e definito come un “Felice cavaliere del cielo”. 

Una storia locale per un culto internazionale. Cosa sapere su San Ponziano Patrono di Spoleto

La tormentata ed interessante storia legata alla vita del Santo, descrive Ponziano da Spoleto come un discendente di nobile famiglia locale, ai tempi dell’imperatore Marco Aurelio. Una notte Ponziano ebbe un sogno che avrebbe drasticamente cambiato quella stessa storia, unendola indissolubilmente a quella di Spoleto. A seguito del sogno, egli raccolse l’invito del Signore che lo  esortava a diventare un suo servitore. Ponziano predicò il nome del Signore, combattendo in prima persona le persecuzioni “fabiane” dei cristiani . Risale al suo arresto la citazione più celebre nella quale egli diceva: “Io sono Ponziano ma mi puoi chiamare Cristiano”. Una dichiarazione forte che gli costò il martirio, solo dopo aver resistito a prove estreme:

  • Lanciato in una gabbia di leoni, i quali però neanche lo toccarono
  • Costretto a camminare su carboni ardenti, senza che egli ne soffrisse alcuna pena
  • Fu messo a digiuno senza acqua e cibo, ma gli Angeli provvedevano a fornirgli ogni vivanda.

Nel 175 si decise per la pena capitale per mezzo di decapitazione. Ponziano da Spoleto venne condotto in un ponte (da allora chiamato Ponte Sanguinario) e ucciso. La sua testa rimbalzò fino al colle in cui tutt’oggi si innalza il Monastero di San Ponziano.
Importanti curiosità riguardano il profilo internazione e protettivo che assume il culo di San Ponziano. Durante un viaggio a Roma il Vescovo Baldrigo di Utrecht, ricevette in dono dagli spoletini delle spoglie del patrono che portò con sé. Da allora anche nella ridente città olandese, questa giornata è celebrata la festa di San Ponziano.

Il 14 Gennaio del 1703 le città umbre di Cascia e Norcia crollarono a causa di un terribile terremoto. Allo stesso modo anche nella giornata del martirio di Ponziano pare che la terrà tremò; fu allora che egli pronunciò un’altra celebre espressione, assicurando che “Spoleto tremerà ma non crollerà” . Ecco perchè il patrono di Spoleto è anche il protettore dai terremoti.

Il Complesso di San Ponziano a Spoleto

Il Monastero di Spoleto è sicuramente tra le principali attrazioni da visitare in questa città. Come anticipato, il complesso si erge laddove cadde la testa del martire facendo improvvisamente zampillare una fonte. A pochi minuti a piedi dal centro della città, adagiata in un dolce e sinuoso colle, la Basilica di San Ponziano presenta elementi architettonici affascinanti. L’esterno della Chiesa ( XII-XIII sec.) ricorda di fatto le altre chiese spoletine di origine romanica. Sul lato sinistro si erge il campanile, mentre dalla parte destra è possibile scorgere il profilo di una bassa navata laterale. L’architrave del portale riporta l’Agnus Dei  raffigurato tra un leone ed un’aquila, mentre dell’originario rosone resta oggi la cornice ornata con bassorilievi e i quattro Evangelisti. La parte interna della Chiesa riflette invece uno stile settecentesco. Una pianta a tre navate con presbitero sopraelevato si adagia su una cripta sottostante coperta di affreschi nei secoli XIV e XV secoloTra questi sono da evidenziare:

  • la Madonna tra San Sebastiano e un altro santo, datato 148
  • San Bernardino da Siena
  • un fanciullo nudo che reca i segni di un completo martirio (forse San Ponziano, forse Simonino da Trento)
  • Madonna in trono con Bambino
  • Raffigurazione di San Rocco
  • Crocifissione con due Marie e l’animula portata in cielo

Molti degli affreschi presenti sono opere di autori umbri del XV secolo con chiare ispirazioni giottesche. Di fortissimo impatto emozionale sono le rappresentazioni degli altari laterali con San Francesco che riceve le stimmate e l’Immacolata con i Santi. Entrambi guardano il dipinto dell’altare centrale con la Decapitazione di San Ponziano. Sulla pagina dedicata del sito del Comune di Spoleto sono disponibili foto ed altre informazioni sul complesso.

 

La ricorrenza di San Ponziano è l’occasione ideale per vivere una delle giornate più sentite per la città e partecipare agli eventi in programma!

Scoprite ed ammirare la stupenda Chiesa e l’intero complesso dedicato al patrono di Spoleto! Prenotate il Vostro Soggiorno!