+39 0743 221221

Carnevale di Spoleto 2019

Torna il Carnevale di Spoleto! Tra gli eventi più attesi del Carnevale in Umbria!

Divertimento, Folklore, Fascino e Vitalità: Come si festeggia il Carnevale di Spoleto

Il mese di febbraio corrisponde ogni anno all’esplosione di eventi celebrativi di una delle tradizioni italiane più diffuse ed apprezzate. Il fenomeno del Carnevale in Italia, così come negli altri Paesi cattolici, assume importanti significati tra umanità, gioia e spiritualità. Praticamente tutte le più importanti città italiane, da Venezia a Viareggio ed Ivrea, provvedono a mettere in scena tutta quella goliardia delle maschere che accompagna cittadini e turisti all’arrivo della Pasqua. Anche in Umbria, regione da sempre fortemente attenta alla storia ed alle tradizioni, il Carnevale promette di esaltare ancor di più i caratteristici borghi e le meravigliose cittadine che caratterizzano il territorio. Il Carnevale di Spoleto rappresenta sicuramente una tra le prime attrazioni da tener ben presente in questo periodo.

La manifestazione carnevalesca è ormai un appuntamento fisso per i visitatori dell’Umbria e degli amanti di una vera e contagiosa allegria. Il Carnevale di Spoleto 2019, si appresta ancora ad essere considerata come una delle manifestazioni più attese e significative di tutta la regione. Le feste di carnevale in Umbria sono notoriamente molto amate dai bambini. Per i più piccoli l’ occasione è infatti quella di dimenarsi tra eventi sparsi in tutte le città, partecipando alle più divertenti feste di carnevale a loro dedicate. Per i più grandi si presenta allo stesso modo l’imperdibile opportunità di visitare luoghi meravigliosi resi ancora più vitali e suggestivi dalle sfilate di carri allegorici tra tradizione e fantasia.

Nel corso degli anni, visto il grande successo, si sono moltiplicati gli eventi di Carnevale in Umbria e gli appuntamenti dedicati a questa popolare ricorrenza. A fare da caposaldo alla tradizione mascheraria umbra (di stampo perugino) vi è la figura del Bartoccio che tiene in mano il suo radicione in compagnia della moglie Rosa. Il Carnevale in Umbria, così come a Spoleto  rappresenta una antichissima tradizione. Questa affonderebbe le sue radici più attuali nel Tardo Medioevo, quando il divertimento carnevalesco prevedeva il travestimento associato a divertenti spettacoli ispirati ai riti magici ed arcaici, svolti per le vie delle città

Nascita ed aneddoti del Carnevale in Umbria ed a Spoleto

Il Carnevale di Spoleto, seguendo le orme regionali, pare essere nato in epoca romana. All’epoca si era soliti celebrare i Saturnali latini, che richiamavano fortemente al concetto di libertà e spensieratezza. In sostanza, era un periodo dell’anno in cui ogni comportamento era “lecito”, in cui i cittadini lasciavano la formalità quotidiana regalandosi all’ozio e alla letizia. Nel Medioevo, si moltiplicarono le maschere ispirate a riti magici ma anche alla cristianità. Nel Seicento il Carnevale conobbe la sua massima diffusione in tutta l’Umbria. Durante questo periodo si giunse all’affermazione della satira perugina, con l’affermazione della maschera del Bartoccio, simbolo del Carnevale in Umbria. Esso si configura come un uomo di umili condizioni che conoscendo la ricchezza trascorre il tempo ad inveire con esilaranti bartocciate contro le più alte cariche di Governo. Il bislacco personaggio diventò da allora l’apripista di ogni festa di carnevale, accompagnato sempre dalla sua fedele moglie Rosa, ricoperta di appariscenti gioielli.

Tra tantissime altre, i personaggi tipici del Carnevale in Umbria contano le maschere di

  • Nasotorto, personaggio molto avido
  • Nasoacciaccato, uno spirito libero di grande furbizia
  • Chicchirichella, personaggio estroso, creativo ed eccentrico
  • Rosalinda, la gentilezza e la bellezza delle donne

ed una serie di altre maschere irriverenti e scherzose che mettono in risalto la semplicità degli uomini con tutti i loro pregi e difetti!

Il Carnevale di Spoleto tra Carri allegorici artigianali e dolci tipici

Uno dei Carnevali più apprezzati e conosciuti dell’Umbria è quello che si svolge a Spoleto. Arrivato nel 2019 alla sua 191esima edizione, si distingue per il suo frizzante spirito che coinvolge inevitabilmente l’intera cittadina ed attira tantissimi turisti ogni anno. I momenti più attesi del Carnevale di Spoleto si riconducono alle sfilate di carri allegorici che animano le vie del centro storico in due principali giornate.

Nelle settimane che precedono il carnevale, la città si ravviva anche nel periodo invernale, impegnando tutti i partecipanti nella entusiasmante realizzazione dei carri allegorici. Gli eventi di Carnevale a Spoleto comprendono solitamente una vasta scelta tra:

  • Spettacoli dalle compagnie teatrali cittadine
  • Feste in maschera per i bambini ma anche per adulti
  • Concerti bandistici
  • Sfilate in maschera
  • Stand di dolci tipici del carnevale umbro.

Proprio dal punto di vista dei dolci di Carnevale in Umbria impossibile non citare la deliziosa Crescionda Spoletina e le varianti di castagnole umbre che è possibile degustare passeggiando per la città. L’intenso programma del Carnevale di Spoleto, culmina appunto nella sfilata dei più belli e famosi carri allegorici. Allestiti con precisa dovizia di particolari da parte degli artigiani spoletini si ispirano a diversi specifici soggetti. All’interno di essi presenti numerosi figuranti che tra canti e balli, coinvolgono i numerosi visitatori con scherzi ed irresistibile allegria. Il percorso della sfilata principale dei carri si snoda tra le vie del centro storico opportunamente colorato a festa ed è arricchita dalla partecipazione delle associazioni dei rioni, parrocchie di quartiere, bambini delle scuole e gruppi di maschere spontanee.

Nell’attesa di vivere le emozioni del Carnevale di Spoleto, ecco una piccola anticipazioni di cosa vi aspetta nelle sfilate dei carri del 24 Febbraio e 03 Marzo 2019!

Il Carnevale in Umbria è propone tanti imperidibili e sentiti eventi allegri e divertenti!

 Durante il Carnevale di Spoleto ammirerete le maschere tradizionali umbre, visitando in allegria una splendida città più viva e colorata che mai! Prenotate ora il Vostro soggiorno e preparatevi a vivere le più spensierate giornate in Umbria!

 

Festa di San Ponziano – 14 Gennaio 2019

In ogni momento dell'anno potete visitare la bellissima Chiesa di San Ponziano Patrono di Spoleto!

 È ancora tempo di celebrazioni. Si ricorda San Ponziano patrono di Spoleto

“L’Epifania tutte le feste le porta via!”. Si, ma non a Spoleto.
Con l’ultima ricorrenza del periodo natalizio, dedicata all’avvento dei Re Magi e celebrata nelle città italiane e del mondo con l’arrivo della Befana, si torna momentaneamente alla normalità in attesa della prossima festa. O almeno così è nella maggior parte dei casi. Non in tutti. Ci sono infatti dei luoghi in cui la storia ha portato con sé, insieme a meraviglie artistiche ed architettoniche, un’ulteriore possibilità di svago e di arricchimento culturale. Il 14 Gennaio di ogni anno, torna infatti puntuale la festa di San Ponziano patrono di Spoleto. Si parla della sentitissima ricorrenza del martirio del Santo Patrono della città che ogni anno raccoglie tutta la cittadinanza e curiosi turisti in un percorso liturgico ed artistico di notevole interesse.

Mentre va avanti il grande successo del programma di Spoleto d’Inverno, che promette di regalare ancora momenti di sano e ricco intrattenimento, Spoleto e l’Umbria si arricchiscono di uno degli eventi più attesi di ogni anno. Giornate di intense emozioni che culminano con la giornata del 14 Gennaio in cui tutta la popolazione si radunerà intorno alle spoglie del Santo Patrono. La tradizione vuole che i giorni antecedenti alla giornata clou, siano caratterizzate da eventi e celebrazioni a cui partecipano anche Chiese e borghi limitrofi. Un intenso e profondo cammino di accompagnamento fino al fatidico momento. Quando cioè le reliquie di San Ponziano Martire da Spoleto saranno riportate nella Basilica a lui dedicata. Il tutto, in un lungo corteo aperto da cavalli e cavalieri. Ponziano infatti, nell’iconografia locale, è raffigurato a dorso di un cavallo e definito come un “Felice cavaliere del cielo”. 

Un culto oltreconfine. Ecco la storia di San Ponziano Patrono di Spoleto

La storia parla di Ponziano da Spoleto come un giovane discendente di nobile famiglia locale al tempo dell’imperatore Marco Aurelio. Una notte egli avrebbe avuto un sogno che cambierà la sua storia e quella di Spoleto. Il Signore lo esortava a diventare un suo fedele servitore. Fu così che senza esitare, Ponziano si mise a predicare il nome del Signore, combattendo in prima persona le persecuzioni “fabiane” dei cristiani . A seguito del suo arresto, la tradizione gli attribuisce l’espressione “Io sono Ponziano ma mi puoi chiamare Cristiano”. Una prova di fede che gli costò il martirio prima del quale fu sottoposto a prove estreme:

  • Lanciato in una gabbia di leoni, che però invece neanche lo toccarono
  • Fu fatto camminare su carboni ardenti senza che egli ne soffrisse alcuna pena
  • Fu messo a diguno senza acqua e cibo, ma gli Angeli provvedevano a fornire ogni vivanda.

Ecco allora che nel 175 si decise per la pena capitale per mezzo di decapitazione. Ponziano da Spoleto venne condotto in un ponte (oggi Ponte Sanguinario) ed in seguito all’esecuzione la sua testa rimbalzò fino al colle in cui tutt’oggi si innalza la Chiesa di San Ponziano, a cui vi era annesso il Monastero.
Il culto del santo assume anche un profilo internazionale nonché protettivo. Nell’anno 966, Baldrigo Vescovo di Utrecht, di ritorno da Roma ottenne dagli spoletini delle ossa di San Ponziano che portò con sé. Da allora anche nella città di olandese, questa giornata è celebrata la festa di San Ponziano. Il 14 Gennaio del 1703 le città limitrofe di Cascia e Norcia vennero distrutte da un terribile terremoto. Anche durante il martirio del santo sembra che la terrà tremò; fu allora che San Ponziano con l’espressione “Spoleto tremerà ma non crollerà” divenne il protettore dei terremoti.

Il Complesso di San Ponziano a Spoleto

Si erge laddove la testa decapitata del martire giunse facendo zampillare una fonte. A pochissima distanza dal centro della città, adagiata in un dolce e sinuoso colle, il complesso monumentale del Santo presenta elementi architettonici affascinanti.  L’ esterno della Chiesa ( XII-XIII sec.) ricorda le altre chiese romaniche spoletine. Sul lato sinistro si erge il campanile e sul destro si denota il profilo di una bassa navata laterale. L’architrave del portale riporta l’Agnus Dei tra un leone ed un’aquila, mentre del rosone rimane solo la cornice con bassorilievi con i quattro Evangelisti. Evidente è invece lo stampo settecentesco della parte interna. Una pianta a tre navate con presbitero sopraelevato prevede anche una cripta sottostante coperta di affreschi nei secoli XIV e XV secoloTra questi si evidenziano:

  • la Madonna tra San Sebastiano e un altro santo, datato 148
  • San Bernardino da Siena
  • un fanciullo nudo che reca i segni di un completo martirio (forse San Ponziano, forse Simonino da Trento)
  • Madonna in trono con Bambino
  • Raffigurazione di San Rocco
  • Crocifissione con due Marie e l’animula portata in cielo

Molti di questi e di altri affreschi presenti sono opere di autori umbri del XV secolo con chiare ispirazioni giottesche. Di fortissimo impatto sono le rappresentazioni degli altari laterali con San Francesco che riceve le stimmate e l’Immacolata con i Santi. Entrambi guardano il dipinto dell’altare centrale con la Decapitazione di San Ponziano. Sulla pagina dedicata del sito del Comune di Spoleto sono disponibili foto ed altre informazioni sul complesso.

Cosa prevede la festa di San Ponziano Patrono di Spoleto

L’Archidiocesi e la Città di Spoleto si apprestano a festeggiare il Santo Patrono, il martire Ponziano. La tradizione vuole che la preparazione alla celebrazione sia condotta dal Triduo di incontri in diverse chiese locali. Inoltre dal 10 al 12 Gennaio S. Ponziano si farà messaggero di misericordia. L’Arcivescovo porterà la reliquia dapprima tra i detenuti del carcere e poi tra le donne disabili accolte dalle suore della Sacra Famiglia alle Lacrime di Trevi e tra gli ospiti del Centro di Solidarietà “don Guerrino Rota” di Spoleto.

Le celebrazioni vere e proprie inizieranno domenica 13 gennaio alle ore 17.30 nella Basilica Cattedrale con la celebrazione vespertina e la testimonianza del Card. Ernest Simoni dal 1963 al 1991 prigioniero della dittatura albanese. Lunedì 14 gennaio, solennità del patrono: alle 11.30 in Duomo l’Arcivescovo presiederà il solenne pontificale. Prenderà il via la processione introitale del Pontificale, con la reliquia, dalla Cappella Palatina del Palazzo Comunale.
Nel pomeriggio poi, dalle ore 16.00 la celebrazione dei secondi vespri e processione aperta da cavalli e cavalieri alla Basilica di S Ponziano. Al termine, Messa di ringraziamento.

 

La ricorrenza di San Ponziano è l’occasione ideale per vivere una delle giornate più sentite per la città! Un dovere è ammirare la stupenda Chiesa e l’intero complesso dedicato al patrono di Spoleto! Prenotate il Vostro Soggiorno!

 

Picasso Ritratto Intimo – 15 Dicembre 2018/31 Marzo 2019

Tra le tante iniziative a Spoleto non perdete la mostra fotografica su Picasso!

Come conoscere un artista attraverso delle fotografie? Arriva una nuova imperdibile mostra fotografica su Picasso

Nel tempo di Instagram e della ricerca del selfie perfetto, il concetto di fotografia ha senza dubbio ampliato esponenzialmente orizzonti, soggetti ed interpretazioni. Chiunque ad oggi può immortalare un momento particolare. Un paesaggio, amici e persone care, eventi particolari ed emozioni vissute sono abitualmente condivise pressoché con il mondo intero. Traslando il significato della fotografia nel panorama artistico, se ne può però constatare il più che mai alto valore qualitativo. È per questo che parlando di fotografie, va sottolineata l’importanza resistente del panorama delle mostre e delle foto artistiche. Tanti sono gli autori e gli appassionati mossi dalla continua ricerca dello scatto pregiato, magari anche riferito a grandi personaggi ed artisti più o meno contemporanei. Tra questi, possono rientrare quelli presenti nella Mostra Fotografica su Picasso a Spoleto a partire da Dicembre 2018.

Gli avventi di app ed evoluzioni tecnologiche non impediscono alla fotografia di crescere come forma artistica. Una forma estremamente diffusa nel mercato ed ancora a costi sostanzialmente contenuti. Una tecnica che ha fatto della riproducibilità un suo credo fondamentale, comprendente una serie di articoli che non smette di catturare ammiratori. Non solo foto d’autore, ma anche reportagefotomontaggipost-produzioni e bianco e nero. Tutte accomunate dalla stessa passione di fondo e che spesso finiscono nelle mire delle tante fiere internazionali (Paris PhotoPhoto London o Mia di Milano) ed eventi comunque legati alla vendita.

Tra gli eventi fotografici resistono tuttavia le straordinarie mostre che consentono al pubblico di avvicinarsi alla fotografia, scoprendo le affascinanti storie che dietro si celano ad esse. Ecco dunque l’attesissima mostra fotografica su Picasso con scatti inediti di Edward Quinn riferiti perlopiù alla vita privata del grande pittore spagnolo.

Chi era Edward Quinn per Pablo Picasso?

Nato a Dublino nel 1920, Edward Quinn è stato uno dei fotografi delle star più famosi del Novecento. Al contrario degli odierni paparazzi, l’artista era ben voluto per la sua classe ed il suo talento. Era anzi ricercato dalle star, che negli anni Cinquanta erano desiderosi di farsi fotografare nel migliore dei modi durante le loro vacanze in Costa Azzurra. Un talento che Quinn esprimeva con produzioni di immagini spontanee e cariche di fascino e pose chic. Il fotografo irlandese annoverò collaborazioni con personaggi di fama mondiale provenienti dallo spettacolo ma anche da altri ambienti:

  • Marlon Brando
  • Sophia Loren
  • Grace Kelly
  • Brigitte Bardot
  • Aristotele Onassis
  • Maria Callas
  • Winston Churchill.

L’incontro con Pablo Picasso avvenne, come con gli altri, in Costa Azzurra. Arrivò nello stesso momento in cui Quinn iniziava a collaborare con una serie di importanti artisti come Salvador Dalì e Max Ernst. Da quella prima foto al pittore con i suoi figli, si sviluppò un’intensa amicizia che ha portato Edward Quinn ad entrare nella sfera privata di Picasso fino alla sua morte nel 1973.

Ecco la Mostra Fotografica su Picasso a Spoleto. PICASSO RITRATTO INTIMO – Foto di Edward Quinn

Basta dare un’occhiata al sito ufficiale riferito al fotografo per capire quanto egli sia riuscito a raccontare la vita di Picasso attraverso le immagini dell’artista. Il profondo legame tra i due, che portava Quinn ad essere definito come “Lui, il ne me dérange pas”, gli consentì di entrare nella dimensione inaccessibile dell’amico-pittore. Donne, realizzazione di opere, alternanza dei periodi, amanti e amicheC’è la biografia e la vita privata ed artistica del genio, nella mostra fotografica su Picasso organizzata da MetaMorfosi, con il patrocinio del Comune di Spoleto. Dal 15 Dicembre al 31 Marzo 2019 a Palazzo Bufalini in Piazza Duomo a Spoleto, saranno esposte oltre ottanta foto di cui 26 inedite e mai stampate. Una raccolta che racconterà ai visitatori il dietro le quinte di questo straordinario artista del XX Secolo.

Gli scatti sono stati selezionati da Wolfgang Frei, curatore della mostra nonché nipote di Edward Quinn. Il preciso intento è quello di trasmettere la tipica spontaneità degli scatti del fotografo rapportata alla vita del pittore. Vengono così evidenziati i momenti e le condizioni in cui Picasso realizzava le sue opere. La tecnica agile di Edward Quinn, privo di treppiede ed illuminazioni artificiali rendono le foto così autentiche e credibili da essere esse stesse vere opere d’arte. Una mostra fotografica a Spoleto che rappresenta Pablo Picasso immerso nelle sue fonti d’ispirazione quotidiane. Uno sguardo profondo però anche alla personalità dell’uomo, descritto sempre come persona ricca di umanità. Oltre 20 anni di immagini che ricordano ancora una volta le molteplici realtà di vita del fondatore del Cubismo.

PICASSO RITRATTO INTIMO Mostra Fotografica su Picasso a Spoleto informazioni ed orari:

Dal 15 dicembre 2018 al 31 marzo 2019 presso la sede MAG Palazzo Bufalini in Piazza Duomo.

  • Aperto dal martedì alla domenica ore 10.00 – 18.30
  • 25 Dicembre: 10.00 12.30 – 15.30/18.30
  • 31 Dicembre: 10.00 18.30
  • 01 Gennaio: 12.30 18.30
  • Costo dell’ingresso: intero 5.00 € ridotto 3.00 €
  • Altre informazioni: 0743-225302

Spoleto è ancora una volta il luogo perfetto per conoscere ed ammirare gli artisti più influenti della storia!

Scoprite la forza ed il fascino delle fotografie su Pablo Picasso per saperne di più su questo straordinario artista dei nostri giorni! Scegliete il periodo migliore e prenotate il vostro soggiorno!

Spoleto d’Inverno – 06 Dicembre/14 Gennaio

Dal 06 Dicembre prende il via Spoleto d'Inverno con tantissimi eventi!

Non solo sci! Con Spoleto d’Inverno le migliori vacanze di Natale sono in Umbria

A prescindere da declinazioni climatiche difficilmente prevedibili si può constatare senza remore come l’inverno sia arrivato. Puntuale, ogni anno, il periodo in cui ci si trova coincide con l’esplosione di addobbi e luminarie che colorano le città italiane e non, dotandole di una sempre magica atmosfera natalizia. Da un lato proprio le luminarie rappresentano per molti motivo di attrazione, accogliendo di buon grado le novità riguardanti ad esempio le straordinarie Luci di Salerno o le nuovissime luminarie di Bologna dedicate a Lucio Dalla. Ovviamente restano richiestissime le mete puramente invernali e sciistiche, opportunamente arricchite dai locali e tipici mercatini natalizi. Ma come si sa, il turismo invernale non è solo sci. Ecco dunque che nella città dell’arte è stato meticolosamente preparato un programma ricco di eventi imperdibili, artistici ma non solo. Grazie a “Spoleto d’Inverno” 2018/2019 la classica domanda del dove andare tra Natale e Capodanno trova nell’Umbria una naturale ed interessante risposta.

Avendo già parlato delle aperture straordinarie dei Musei di Spoleto e della Stagione di Prosa da poco iniziata, è giunta l’ora di presentare il ricchissimo palinsesto della muova edizione di Spoleto d’inverno. Grazie a questa importante iniziativa, la città del Festival entra di diritto tra le migliori città italiane da visitare in inverno. Una carrellata di appuntamenti per tutti i gusti, concepiti sia per i cittadini che per i turisti. Un cartellone, che grazie alla collaborazione delle diverse associazioni della città, assicura un’organizzazione di eventi che tra gli altri prevedono:

  • Rassegne Cinematografiche
  • Attività e giochi per bambini
  • Concerti e rappresentazioni teatrali
  • Mercatini e Presepi
  • Capodanno in Piazza…

…e molto altro! Il programma degli eventi invernali a Spoleto abbinerà alle vacanze natalizie e di fine anno, dei validi ed affascinanti momenti di incontro per scoprire ed ammirare la città vestita dei più sfavillanti abiti natalizi. Non resta che addentrarsi nei dettagli del programma degli eventi d’inverno, ancora promotori del vivace turismo natalizio a Spoleto.

Cosa fare in inverno a Spoleto? Ecco gli eventi previsti tra dicembre 2018 e gennaio 2019

La ricerca delle più suggestive sfumature di luci, i colori degli addobbi, la musica che vivacizza i vicoli dei borghi medievali, gli antichi e sempre vivi sapori della tradizione. Tutte queste ragioni giustificano il perchè visitare l’Umbria in invernoSpoleto d’Inverno nello specifico mette ancora in risalto le tantissime risorse locali introducendo imprescindibili tratti innovativi. Musica, danza, sport, cinema e teatro, sono da un lato elementi che confermano la spoletinità del tempo e dall’altro invitano i turisti a scegliere la città come meta di meritate vacanze.

Tra ritorni e novità: Il programma dei principali eventi di Spoleto d’Inverno

SPOLETO IN CORTO
  • Giovedì 6 e venerdì 7 dicembre al Complesso monumentale di San Nicolò:
    Tra proiezioni di corti d’autore e videoclip musicali ecco la prima edizione di “Spoleto Short Contest”. Prevista la proiezione dei lavori di maestri del genere come Simone Massi, Julia Gromskaya e Francesco Filippi.
UN NAT@LE CHE SIA TALE
  • 8,9,15 e 16 dicembre dalle 10.00 alle 19.00. Venerdì 7 e 14 dicembre dalle 15.00 alle 19.00 al largo Moneta dei giardini di viale Trento e Trieste. Gradita conferma per le giornate dei mercatini del volontariato e della soliderietà dell’Associazione InSIeme VOLA del compianto Padre Modesto.
  • Sabato 8 dicembre 08.00-20.00 Viale Trento e Trieste: TRADIZIONALE FIERA DELL’IMMACOLATA
    – ore 12.00 al Palazzo Collicola: VIRGINIA RYAN: ARTE, AFRICA E ALTROVE. Presentazione del libro della grande artista contemporanea, autrice di opere in questo hotel. A cura della Galleria Officina d’Arte & Tessuti.
    ore 17.00 Teatro Nuovo G.C. Menotti: CONCERTO DELL’IMMACOLATA. La Banda Città di Spoleto presenterà musiche tratte da famose colonne sonore.
FROZEN PARK
  • Da Sabato 8 dicembre a Lunedì 14 gennaio piazzale dell’ex ferrovia Spoleto-Norcia. Le giornate invernali non possono non prevedere il divertente pattinaggio su ghiaccio!
MOSTRA CANINA NATALIZIA
  • a cura di Arci Caccia Umbria, una esposizione canina con gara cinofila giunta alla seconda edizione. Un’occasione per promuovere la necessaria adozione di questi fantastici amici del canile di Spoleto.
2a PASSEGGIATA FOTOGRAFICA SULLA EX FERROVIA SPOLETO-NORCIA
  • Domenica 9 dicembre ore 9.00 una speciale passeggiata guidata fino al ponte di Caprareccia della vecchia ferrovia Spoleto-Norcia.
FESTIVAL DEL CINEMA – PRIMO PIANO “PIANETA DONNA”
  • “Dalle donne nella storia alle donne protagoniste del cinema”. Tra gli eventi più attesi a cura dell’associazione AmaRCorD., si tratta di una rassegna di cinema dedicata alle grandi donne della Storia e della settima arte Presenti grandi attrici come Simona Izzo e Barbora Bobuľová. Lunedì 10 dicembre ore 18.00 Sala Pegasus: Inaugurazione del Festival e proiezioni
    – Dal 10 al 14 dicembre ore 18.00 e 21.30: Proiezione dei film e cortometraggi in concorso
    – Venerdì 14 ore 18.00 a Scheggino sala polivalente: Proiezione film
    – Sabato 15 ore 15.00 Biblioteca Comunale Palazzo Mauri:  tavola rotonda “Dalle donne della storia alle donne nella storia del cinema”.
    Sabato 15 ore 20.00 presso Albornoz Palace Hotel: Red carpet e cena di Gala con premiazione dei film vincitori!

CONSULTATE QUI TUTTE LE PROIEZIONI IN PROGRAMMA!

SPOLETO RICORDA LEONCILLO

  • Domenica 23 dicembre ore 15.30 Palazzo Collicola Arti Visive. Spoleto d’Inverno rende omaggio ad un grande artista spoletino del ‘900 in occasione del cinquantenario della morte con una mostra interamente dedicata.
CONCERTO DEGLI AUGURI DI NATALE
  • Domenica 23 dicembre ore 21.00 Teatro Nuovo G.C. Menotti. Ancora appuntamento con la grande arte in questo concerto a cura di UmbriaEnsemble con i A. Cicillini, C. Rossi, L. Ranieri, M. C. Berioli e la partecipazione della direttrice del Narnia Festival e grande artista Cristiana Pegoraro.
AMAHL E I VISITATORI NOTTURNI
  • Mercoledì 26 dicembre ore 18.30 Teatro Caio Melisso “Spazio Carla Fendi”. Una proeiezione dell’opera in un atto del fondatore del Festival dei Due Mondi Gian Carlo Menotti, realizzata appositamente per la tv statunitense e diretta da Thomas Schippers. Al termine farà seguito “Amahl e Spoleto”; conversazione con il Sindaco De Augustinis, Giorgio Ferrara, Alessio Vlad e Andrea Tomasini.
VIVALDI – LE QUATTRO STAGIONI, ROSSINI – LE SINFONIE
  • Sabato 29 dicembre ore 21.00 Teatro Nuovo G.C. Menotti. Grande concerto con musiche da Vivaldi a Rossini in occasione dei 150 anni della morte di Gioacchino Rossini. Ancora Cristiana Pegoraro al pianoforte e il Rome Chamber Ensemble diretto da Lorenzo Porzio.
CAPODANNO IN PIAZZA CON BRINDISI DI MEZZANOTTE
  • In Piazza Garibaldi si festeggia l’arrivo del nuovo anno con i Sardinia Rock sulle canzoni “I grandi successi di Mogol”. La musica del grande autore italiano allieterà il pubblico fino al brindisi della mezzanotte e gli spettacolari fuochi d’artificio! Ancora senza idee per il Cenone? Albornoz Palace Hotel propone interessanti pacchetti Capodanno qui consultabili!
FIERA DELL’EPIFANIA E FESTA DELLA BEFANA
  • Ancora una fiera al Piazzale Auditorium della Stella e poi appuntamento con tanta animazione per i bambini con l’arrivo della Befana alle 15.30 al Palazzo Collicola Arti Visive.
CONCERTO DELL’EPIFANIA
  • Domenica 6 gennaio ore 17.00 Teatro Caio Melisso “Spazio Carla Fendi” si festeggia la giornata con il concerto del talentuoso pianista spoletino Eduardo Riganti Fulginei.

Ebbene si, come promesso ce n’è veramente per tutti in questa edizione di Spoleto d’Inverno. I sopraelencati sono solo una piccola anticipazione degli eventi che animeranno Spoleto tra la fine del 2018 e l’inizio del 2019. Per le date e gli orari di tutti gli altri appuntamenti tra tanto sport, animazione per bambini, mercatini, mostre e presepi è possibile consultare il sito ufficiale!

Con impegno e dedizione per i grandi eventi Spoleto si conferma ancora città ideale per tutte le stagioni! A voi non resta che assicurarVi le meritate vacanze invernali prenotando il Vostro soggiorno in Umbria!

Stagione di Prosa 2018/2019 – 17 Novembre/03 Aprile

è partita la Stagione di Prosa a Spoleto con grandissimi spettacoli!

Si alza il sipario sulla Stagione di Prosa a Spoleto. Ecco tutti gli spettacoli da non perdere dell’edizione 2018/2019

Lo spettacolo andato in scena Sabato 17 Novembre al Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti, “Questi fantasmi!”, commedia capolavoro del grande Eduardo De Filippo, lascia ben intendere quale sia la caratura di questa nuova Stagione di Prosa a Spoleto. A dispetto del primo vero arrivo del freddo in Umbria, a riscaldare le emozioni degli spettatori del Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti ci hanno pensato gli eccezionali attori a cominciare da Gianfelice Imparato e la regia di Marco Tullio Giordana.

Un primo atto di quella che si annuncia come una delle edizioni più importanti per livello internazionale delle produzioni. Basti pensare che “Questi fantasmi!” fu tra le prime opere rappresentate all’estero riscuotendo da subito enorme successo. Un successo che non poteva che essere confermato nel pubblico odierno, a rinsaldare ulteriormente il forte legame tra Spoleto e il Teatro. La Stagione di Prosa a Spoleto 2018/2019 propone un programma di spettacoli con opere provenienti dalla produzioni di mostri sacri come Shakespeare, Ibsen, Bulgakov, Mamet e per l’appunto De Filippo. Da sottolineare anche il livello degli attori impegnati in questa stagione, dove oltre Gianfelice Imparato (de I Bastardi di Pizzofalcone), compariranno altri volti noti al grande pubblico tra cui:

  • Umberto Orsini
  • Lunetta Savino
  • Luca Barbareschi
  • Michele Riondino

Un cartellone che ha suscitato entusiasmo sin dal momento del suo annuncio, evidenziando il grande valore di tutti gli otto spettacoli. Varietà ed eclettismo che coinvolgono produzioni, interpreti, situazioni e contesti drammaturgici, provenienza e percorsi artistici. Il punto di incontro sarà comunque l’Umbria, con Spoleto a fare da guida sotto l’aspetto degli eventi invernali artistici e culturali (Si ricorda anche il programma delle aperture dei musei).

Stagione di Prosa a Spoleto nuova edizione. Ecco il programma completo con orari e date

Gli spettacoli della Stagione di Prosa a Spoleto torneranno ridosso delle festività natalizie. Da quel momento proseguiranno fino agli inizi della primavera per una intesa stagione teatrale in Umbria. Gli appassionati e turisti che affolleranno Spoleto questo inverno troveranno i migliori spettacoli teatrali in Umbria pronti ad attenderli e a stupirli.

Di seguito il programma degli spettacoli a Spoleto. Il teatro prescelto per quasi tutti gli spettacoli è in il maestoso Teatro Nuovo. Ci sarà però occasione di spostarsi anche al suggestivo Teatro Caio Melisso. Per tutti gli altri eventi della Stagione di Prosa nelle altre città umbre visitare il sito ufficiale del Teatro Stabile dell’Umbria.

  • Venerdì 21 Dicembre 2018 ore 21.00: “Il Maestro e Margherita“, con Michele Riondino (Il Giovane Montalbano) dal romanzo di Michail Bulgakov con riscrittura di Letizia Russo. Uno dei più grandi capolavori russi del Novecento. Un’opera che mixa commedia nera, satira socio-politica e tematiche religiose.
  • Sabato 12 Gennaio 2019 ore 21:00: Spettacolo di danza della MM Contemporary Dance Company con due produzioni celebri. Shubert Frames proporrà gli emozionanti capolavori di Frantz Shubert. A seguire con l’ispirazione delle grandi musiche di Gershwin abbinandovi sensazioni di origine pittorica, Gershwin Suite a cura di Howard Hopper.
  • Lunedì 28 Gennaio ore 21.00: “Il Penitente” con Lunetta Savino (Cettina de Un Medico in Famiglia) e Luca Barbareschi. Quest’ultimo è anche regista dello show. L’ultimo testo scritto dal grande drammaturgo statunitense David Mamet. Un dramma moderno in cui la dubbia morale della società mette in crisi uno psichiatra vittima di gogna mediatica.
  • Lunedì 11 Febbraio ore 21.00 e Martedì 12 Febbraio ore 18.00 (Teatro Caio Melisso): “Il racconto d’inverno”  di William Shakespeare. La Compagnia dei Giovani del Teatro Stabile dell’Umbria porteranno in scena una delle tragicommedia del grande drammaturgo inglese. Tematiche complesse ed incastonate tra loro con estrema e abile maestria. Inimicizia, tradimenti e morte, temi tipici del dramma verranno ribaltati da scene bucoliche, danze e satiri, utilizzati per commedie.
  • Martedì 19 marzo ore 21.00: “La Bibbia Riveduta e Corretta” ad opera degli Oblivion. Si tratta di veri e propri fenomeni del web e youtuber. La Bibbia come non è stata mai ascoltata. Un musical comico irresistibile tra sacralità e invenzione della stampa.
  • Venerdì 03 Aprile ore 21.00: “Kiss Me, Kate”  messo in scena dalla compagnia Corrado Abbati. Un vero classico del musical ad opera di Cole Porter. Una perfezione per il genere raggiunta sulla base della commedia di Shakespeare della Bisbetica Domata. Due attori ex sposi si ritrovano a recitare a Broadway tra litigi e gangster.

Info e Costo biglietti della Stagione di Prosa a Spoleto 2018/2019

  • Platea, posto palco platea centrale, posto palco I ordine centrale: intero 21 euro (ridotto 18 euro).
  • Palco platea laterale I ordine laterale, II – III ordine centrale 17 euro (ridotto 14).
  • Posto palco II e III ordine laterale e galleria 10 euro.

Per prenotazioni telefoniche: Botteghino Telefonico Regionale del teatro stabile dell’Umbria al numero tel. 075.57542222 tutti i giorni feriali dalle 16 alle 20 fino al giorno precedente lo spettacolo.

Vendita dei biglietti Stagione di Prosa a Spoleto: botteghino Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti tel. 0743 222647 il giorno dello spettacolo dalle 16.30. Si ricorda che la vendita online sarà attiva dal 24 Novembre sul sito del teatro stabile dell’Umbria.

Se Spoleto è da sempre città dell’arte e dello spettacolo è anche grazie a rappresentazioni teatrali di estremo valore!

Grazie alla nuova Stagione di Prosa assisterete ai migliori spettacoli in circolazione! Non resta che Prenotare il Vostro Soggiorno e preparavi alle emozioni del grande Teatro!

Aperture dei Musei Spoleto da Ottobre 2018

Tutte le date della aperture dei musei di Spoleto in inverno!

Città dell’arte e dei musei:
Ecco il programma delle aperture dei musei di Spoleto per la stagione invernale

Quando si programma un viaggio tante sono gli aspetti a cui pensare. Soprattutto se si è diretti in località ricche di cose da vedere è bene dotarsi di tutte le informazioni utili per ottimizzare al meglio la propria visita. In questo senso, in occasione del nuovo programma di aperture dei musei di Spoleto, per una stagione invernale ricca di turismo in Umbria, si vogliono ricordare tutte le giornate ed i singoli orari di apertura dei migliori musei e luoghi d’interesse della città. Chiunque stia pensando di trascorrere delle giornate all’insegna dell’arte e della cultura in un palcoscenico tra i più suggestivi in Umbria, può decidere di organizzare al meglio come e cosa vedere a Spoleto grazie al programma di aperture ordinarie e straordinarie in programma sino ai primi mesi del 2019.

Con l’arrivo dell’inverno diventa ancor più piacevole regalarsi momenti di arricchenti visite ai più bei luoghi d’interesse artistico-culturale del Centro Italia. Come non sottolineare come in questo senso la città di Spoleto faccia la voce grossa?
A cominciare dalla Rocca Albornoz, possente fortezza che domina sulla città, tutti i tesori storici e le innumerevoli bellezze architettoniche consentiranno di vivere esperienze turistiche uniche nel loro genere. Per ammirare completamente e comprendere nella maniera corretta la storia di questo antico borgo medievale, “Città del Festival dei Due Mondi” e vera e propria patria dell’arte, diventa un’occasione irrinunciabile lasciarsi conquistare dai suoi musei e dalle sue mostre permanenti e non. A Spoleto l’arte non è un concetto univoco. Essa piuttosto viaggia attraverso i binari dei diversi stili.

Non solo Medioevo dunque, uno spazio rilevante è da sempre rivolto a quell’arte contemporanea per la quale questo hotel è tra le più importanti testimonianze. Naturalmente per fornire tutte le informazioni necessarie sui maggiori monumenti della città, le sue piazze ed i suoi vicoli è sempre disponibile INFOPOINT Servizio di informazione.

Il dettaglio di date orari delle aperture dei musei di Spoleto

  • Museo del Tessuto e del Costume dal 28 ottobre 2018
    Sabato e domenica dalle 15.00 alle 18.00. Dal lunedì al venerdì chiuso. Aperture straordinarie: giovedì 1 e venerdì 2 novembre e dal 26 al 31 dicembre – tutti i giorni dalle 15.00 alle 18.00. Chiuso il 25/12 e il 01/01.
  • Casa Romana dal 28 ottobre 2018
    Dal mercoledì al lunedì 10.00 -13.30/14.00 – 17.30. Martedì chiuso. Apertura straordinaria: Martedì 30 ottobre 10.00-13-00/14-17.300. Chiuso il 25/12 e 01/01.
  • Rocca Albornoz e Museo Nazionale del Ducato (Fino al 4 novembre 2018)
    Dal martedì alla domenica dalle 9.30 alle 19.30. Lunedì dalle 9.30 alle 13.30. Lunedì pomeriggio chiuso (ingresso consentito fino a 45 minuti prima della chiusura). Ingresso gratuito la prima domenica del mese. Chiuso il 25/12 e il 01/01.
  • Museo Archeologico Nazionale e Teatro Romano di Spoleto
    Tutti i giorni dalle 08.30-19.30. Ingresso gratuito la prima domenica del mese. Chiuso il 25/12 e 01/01.
  • Palazzo Collicola – Arti Visive
    Museo Carandente e Appartamento Nobile dal 28 ottobre 2018

    Dal mercoledì al lunedì 10.30 – 13.00/15.00 – 17.30. Martedì chiuso.
    Mostre temporanee – II piano espositivo dal 27 ottobre 2018 al 24 febbraio 2019
    Sabato e domenica 10.30 – 13.00/15.00 – 17.30. Dal lunedì al venerdì chiuso. Aperture straordinarie: giovedì 1 e venerdì 2 novembre 2018. Dal 26 al 31 dicembre 2018 – tutti i giorni 10.30 – 13.00/15.00 -17.30.
    Biblioteca Giovanni Carandente dal 28 ottobre 2018
    Giovedì e venerdì 10.30-13.00/15.00-17.30. Lunedì-martedì-mercoledì-sabato-domenica chiuso.

Chiuso il 25/12 e il 01/01

  • Chiesa dei Santi Giovanni e Paolo Ottobre 2018
    Sabato, domenica e festivi 11.00 – 13.00 /15.30 – 17.30.
    Novembre, Dicembre 2018 e Gennaio 2019
    Sabato, domenica e festivi 10.30 – 13.00. Aperture straordinarie venerdì 2 novembre 2018 dal 26 al 31 dicembre 2018 – tutti i giorni Dalle 10.30 alle 13.00 Chiuso il 25/12 e il 01/01.

Per sapere di più si rimanda alla consultazione del sito ufficiale di Sistema Museo!

Avete già scelto la data della vostra visita alle bellezze storiche ed artistiche di Spoleto? Sciogliete gli ultimi dubbi prenotando un unico e suggestivo soggiorno invernale nel più artistico hotel del territorio!

72esima Stagione Lirica Sperimentale – Teatro “A.Belli”

Al Teatro Lirico Sperimentale inizia la 72esima stagione!

Spoleto alza la voce: Tutto pronto per una nuova stagione del Teatro Lirico Sperimentale

Dopo un’estate tra le più artisticamente e culturalmente interessanti, Spoleto guarda all’arrivo dell’autunno con altrettanto raffinato slancio. La straordinaria rappresentazione di Marion Cotillard, in Piazza Duomo, aveva chiuso nel migliore dei modi Il Festival Dei Due Mondi, lasciando spazio a “Le Quattro Stagioni – Spoleto d’Estate”. Il concerto di Caparezza dello scorso fine settimana cala a sua volta il sipario nei confronti di quest’ultima. Come inaugurare una nuova stagione di eventi culturali e musicali a Spoleto?A tale quesito trova naturale risposta Il Teatro Lirico Sperimentale “A.Belli”.

L’Istituzione Teatro Lirico Sperimentale A.Belli opera dal 1947. Fondato da un’idea di Adriano Belli si prefigge da sempre l’obiettivo di lanciare alla professione lirica giovani maggiormente dotati di particolari qualità artistiche. Tutti neo artisti che, una volta terminati gli studi di canto, non hanno ancora calcato il palcoscenico per la prima volta. Vengono così accolti i vincitori del Concorso Lirico di Spoleto ed avviati ad un corso di due anni dove possano apprendere elementi che la scuola non offre. Non ci si limita alla  preparazione delle opere ma anche al gesto. Il tutto sotto la guida di registi e direttori che mettono in scena le opere stesse nella Stagione Lirica di presentazione.

Ogni anno l’attività si articola in tre fasi. A marzo si svolge a Spoleto il Concorso per giovani cantanti lirici della Comunità Europea. In questa occasione una giuria internazionale seleziona i candidati provenienti da tutto il Continente. Tra di essi risultano vincitori coloro che conseguono una media di 8/10.

La fase successiva prevede un corso di preparazione al debutto di cinque mesi. Vengono impartite lezioni di:

  • dizione;
  • mimo;
  • recitazione;
  • perfezionamento vocale.

Nell’ultima fase gli allievi studiano i ruoli scelti dal Direttore Artistico per il loro debutto. La Stagione Lirica Sperimentale che ha luogo in Settembre rappresenta il completamento dell’intera preparazione.

Una storia di successo e riconoscimenti internazionali

Simbolo indissolubile del canto lirico a Spoleto, il Teatro Lirico Sperimentale A.Belli vanta una interminabile schiera di successi. Illustri nomi della lirica internazionale hanno potuto formarsi vincendo il concorso per poi debuttare alla Stagione Lirica Sperimentale. Si riportano solo alcuni dei grandissimi del passato….:

  • Cesare Valletti
  • Franco Corelli
  • Antonietta Stella
  • Anita Cerquetti
  • Giangiacomo Guelfi
  • Ettore Bastianini
  • Anna Moffo.

…fino a quelli degli anni più recenti:

  • Marcello Giordani
  • Natale De Carolis
  • Giusy Devinu
  • Elisabeth Norberg-Schulz
  • Giuseppe Morino
  • Monica Bacelli e tantissimi altri.

Altrettanto importanti le personalità che hanno collaborato nella didattica del Teatro e dei registi delle storiche edizioni de La Stagione Lirica Sperimentale (es.Gigi Proietti e Luca Ronconi). Il Teatro Lirico Sperimentale collabora con i maggiori teatri lirici italiani (tra cui il Teatro Caio Melisso)oltre ad essere stato ospite con concerti e spettacoli teatrali in ogni angolo del mondo. Affermandosi in ambito culturale con il premio Cultura di Gestione per le politiche di gestione, valorizzazione e promozione dei beni e delle attività culturali del 2009, il Teatro A.Belli è attento anche a tematiche extra. Un esempio riguarda realizza il pluri – premiato spot pubblicitario per incentivare la raccolta differenziata ed ispirato all’opera lirica nel 2011. Per conoscere tutte le curiosità e ripercorrere la gloriosa storia del Teatro è possibile consultare la pagina dedicata sul sito ufficiale.

Ecco la Stagione Lirica Sperimentale 2018 del Teatro Lirico A.Belli di Spoleto

Volge al termine il contro alla rovescia per la partenza della Stagione Lirica Sperimentale n°72 della storia. Dopo una magnifica e consueta anteprima andata in scena nel mese di Agosto con Eine Kleine Musik – La France e con l’opera Ba-Ta-Clan (con piena dedica alla Francia) il 7 Settembre la Stagione entra nel vivo. Con appuntamento al Teatro Caio Melisso, con repliche anche nei due giorni successivi ore 20.30 (17.30 Domenica 9) andrà in scena Lontano da quinovità di uno dei compositori più in vista della scena contemporaneaFilippo Perocco. L’opera dalla regia di Claudia Sorace vuole dare spunto di riflessione sul tema del cambiamento, della precarietà così come della continua rinascita. Chiara in questo senso la dedica alle popolazioni della Valnerina colpite dal terremoto. L’opera, il cui produttore esecutivo è il Teatro Lirico Sperimentale, è co-prodotta con la Fondazione I Teatri di Reggio Emilia e sarà in scena presso il Teatro La Cavallerizza di Reggio Emilia nei giorni 28 Settembre (ore 20.30) e 30 Settembre (ore 18.00). Alle voci ci saranno Daniela Nineva (mezzosoprano), Emanuela Sgarlata (soprano) e Livia Rado (soprano) accompagnate dall’Ensemble strumentale del Teatro Lirico Sperimentale e dall’Ensemble L’arsenale. L’opera è stata premiata dalla celebre Ernst Von Siemens Foundation.

Le altre imperdibili opere della Stagione Lirica Sperimentale

LA FURBA E LO SCIOCCO

Il Teatro Lirico Sperimentale presenterà Venerdì 14 Settembre (ore 21.00), Sabato 15 Settembre (ore 21.00) e Domenica 16 Settembre (ore 17.00), sempre al Teatro Caio Melisso, In collaborazione con il Centro Pergolesi – Università degli Studi di Milano, La furba e lo sciocco, intermezzo buffo del ‘700 su libretto di Tommaso Mariani e musica di Domenico Sarri. Si tratta di un importante recupero dell’opera reso possibile dalla nuova edizione critica a cura del musicologo Eric Boaro. La direzione è affidata a Pierfrancesco Borrelli, grande esperto nel repertorio barocco mentre la regia e l’allestimento sono di Andrea Stanisci, scenografo e costumista, con esperienza di  scene e costumi per oltre 150 spettacoli. Gli interpreti saranno il soprano Susanna Wolff e il baritono Paolo Ciavarelli accompagnati dall’Ensemble strumentale del Teatro Lirico Sperimentale. La produzione è resa possibile grazie al sostegno della Fondazione Francesca, Valentina e Luigi Antonini.

OPERALIEDER ZIGEUNERLIEDER

Lo spettacolo, con scene e immagini video della regista Lisa Nava, ideato insieme al direttore artistico dello Sperimentale Michelangelo Zurletti andrà in scena nello splendido Complesso di Villa Redenta Mercoledì 19 Settembre ore 21.00. In Operalieder, i protagonisti saranno i cantanti:

  • Zdislava Bočková,
  • Emanuel Bussaglia
  • Alessandro Fiocchetti
  • Daniela Nineva
  • Susanna Wolff

Attraverso i brani presentati, verranno raccontate le origini, le usanze e i costumi di gran parte delle popolazioni dell’Europa. Un viaggio musicale tra ‘800 e ‘900 con le canzoni popolari tzigane di origine ebraica, ungherese, polacca e tedesca. Presente anche l’opera proveniente da autori celebri come: D. Šostakovič, J. Brahms, A. Dvořák e R. Schumann.

Un capolavoro di Stagione Lirica con la Traviata di Giuseppe Verdi

Al Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti, per la Stagione Lirica Regionale dell’Umbria sarà protagonista l’immensa opera d’arte di Giuseppe Verdi. A dirigere i cantanti, coro e orchestra il noto direttore, conosciuto al pubblico umbro, Carlo Palleschi.
Con la regia di Giorgio Bongiovanni; l’opera presenterà scene e costumi a sorpresa per il pubblico. Nei diversi ruoli si esibiranno, alternandosi nelle 12 recite previste a Spoleto e in Umbria, i cantanti del Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto. Nel ruolo di Alfredo Emanuel Bussaglia e Ivaylo Mihaylov (Alessandro Fiocchetti); nel ruolo di Violetta Zdislava Bočková, Maria Luisa Lattante e Miryam Marcone (Noemi Umani); nel ruolo di Flora Daniela Nineva e Noemi Umani (Miryam Marcone); nel ruolo di Giorgio Germont Domenico Balzani, Ferruccio Finetti e Daniel Lee; nel ruolo di Gastone Alessandro Fiocchetti; nel ruolo del Dottor Grenvil Giordano Farina.

calendario delle recite al Teatro Nuovo:

Martedì 18 Settembre ore 18.00;

Per le scuole: Mercoledì 19 e Giovedì 20 Settembre ore 10.00;

Prima rappresentazione: Venerdì 21 Settembre ore 20.30;

Repliche: Sabato 22 Settembre ore 20.30 e Domenica 23 Settembre ore 17.00.

 Si ricorda che ogni prima rappresentazione sarà preceduta da una conferenza stampa aperta al pubblico!

BIGLIETTERIA 

Per acquistare i biglietti online su consultare il Sito Web predisposto al servizio. Per la vendita diretta è possibile rivolgersi all biglietteria Ticket Italia, Piazza della Vittoria n. 25, Spoleto, dal Lunedì al Sabato in orario 9.30-13.00/16.00-20.00 (Tel. 0743.47967 / 0743.222889 – Cell. 329.8529053). Possibile anche la vendita diretta presso le rivendite Ticket Italia nelle varie città umbre, nel Lazio e a Roma (QUI l’elenco completo)

Entra nel vivo un mese di Settembre di livello artistico e culturale di primo ordine!! Il Teatro Lirico Sperimentale vi aspetta per ammirare questi straordinari lavori di artisti pronti al grande pubblico! Prenotate il Vostro soggiorno e partecipate alla nuova edizione della Stagione Lirica Sperimentale!