+39 0743 221221

62° Festival Dei Due Mondi di Spoleto – 28 Giugno/14 Luglio

Svelato il ricco programma del Festival di Spoleto 2019!

Ancora un’estate di nuovi mondi artistici: Svelato il programma del Festival di Spoleto 2019

“Il Festival dei Due Mondi è un’isola felice, che deve volare alto sopra ogni cosa”

Con queste parole il direttore artistico Giorgio Ferrara ha presentato il programma del Festival di Spoleto 2019. Per l’edizione numero 62 di una delle rassegne artistiche più importanti al mondo, il manifesto ufficiale riporta infatti il claim “Ocean of Inspiration”. Il Festival dei Due Mondi rappresenta una tradizione artistica a livello mondiale che non smette di essere un’officina di creazioni originali. Storico luogo d’incontro tra culture diverse, rimane fedele all’intento originario: unire i mondi dell’arte in un unico centro. Dapprima il Festival era l’occasione di unire i due mondi geografici dell’America ed Europa. Oggi, grazie ad una sconfinata platea di collaborazioni, la rassegna assicura la presenza dei mondi artistici del classico e del contemporaneo.

Una consacrazione per i tanti celebri artisti che nella storia ne hanno calcato i palcoscenici. Un  vero e proprio sogno per i giovani talenti in rampa di lancio. Ancora una volta il Festival di Spoleto, con un ricchissimo programma. Spoleto si avvincina dunque ad essere la culla dell’arte, dello spettacolo e della cultura in intense ed emozionanti serate estive. Dal 28 Giugno al 14 Luglio 2019, gli occhi del mondo dell’arte saranno puntati sulle suggestive location del centro storico di Spoleto ma non solo. Come spiegato dagli organizzatori in sede di presentazione, l’obiettivo è coinvolgere sempre di più l’intera città. Per questo non mancheranno occasioni per scoprire realtà meno note ma altrettanato culturalmente straordinarie. Solo per citare un esempio, si avrà la possibilità di vistare il deposito di Santo Chiodo. In questa sede sono conservate migliaia di opere d’arte salvate dal terremoto degli anni scorsi.

In misura maggiore rispetto a quanto avviene artisticamente in Italia, il Festival dei Due Mondi sarà ancora sinonimo di sperimentazione. Un programma dedicato ai grandi miti, alla collaborazione con la Colombia, alla figura femminile e con qualche sfumatura pop.

Attesi esordi e grandi ritorni tra lirica, danza, teatro e tanto altro:

Ecco gli appuntamenti principali del programma del Festival di Spoleto 2019

Per il 62° esimo Festival dei Due Mondi, tra i festival più longevi in assoluto, i protagonisti più attesi, a cui spetta il compito di “catturare” le giornate e le serate di giungo e luglio di cittadini e tanti turisti si rifanno ai nomi di:

  • Jean Paul Gaultier
  • Stefano Bollani
  • Vinicio Capossela.
  • Marisa Berenson
  • Emma Dante
  • Adriana Asti
  • Lucinda Childs
  • Eva Riccobono.

Una lunga marcia di spettacoli, in un armonico alternarsi di espressioni artistiche e location, in cui il tempo torna quel 1957, momento in cui il Maestro Menotti donò a Spoleto il Festival dei Due Mondi. In scena anche quadri originali di Kandinsky per celebrare il centenario dalla fondazione della Bauhaus. E poi il giusto spazio alle novità ed ai premi speciali. In European Young Theatre, cinquanta giovani attori e registi delle migliori scuole del mondo propongono i loro studi e le proprie performance. Il 30 giugno a cura della Fondazione Carla Fendi, con la regia di Quirino Conti, Ecce Robot esplora l’intelligenza artificiale attraverso testimonianze illustri e immagini filmiche. Con il premio Repubblica, ancora media partner del Festival, premierà il del festival con il Premio Repubblica che sarà assegnato un talento emergente.

Al Teatro Nuovo Menotti con l’Opera e lo show di Gaultier

Il Festival di Spoleto si apre il 28 Giugno 2019 con il mito di Proserpine di Silvia Colasanti. Opera lirica in due atti, tratta dal poema drammatico di Mary Shelley e da Percy Bysshe Shelley. La storia della Dea rapita da Plutone, re degli Inferi e graziata da Zeus. Nella buca del Teatro Nuovo “G. Carlo Menotti” suonerà l’Orchestra giovanile italiana, diretta da Pierre-André Valade. La scenografia è invece affidata alle grandi opere pittoriche dell’artista contemporaneo Sandro Chia. il direttore Ferrara, ancora regista dell’opera inaugurale del Festival di Spoleto, si affiderà inoltre ai costumi di Vincent Darré. Subito dopo l’opera al teatro sarà la volta di Gaultier con il suo Fashion Freak Show ed i suoi 100 costumi creati per il Festival di Spoleto. Sul palcoscenico, attori, ballerini, cantanti e artisti circensi in un lavoro che intreccia disco music, funk, pop, rock.

Grandi ritorni per gli spettacoli teatrali e di prosa del Festival dei Due Mondi 2019

Come annunciato, sarà decisamente a tinte femminili il programma degli spettacoli teatrali del Festival di Spoleto. C’è grande attesa per il ritorno di Emma Dante con Esodo, che racconta del lungo cammino migratorio del Re Edipo in cui la meta è il palcoscenico. Il Complesso Monumentale di S.Nicolò diventerà uno storico cabaret di Berlino nella Repubblica di Weimar, grazie a Marisa Berenson (celebre Lady Lyndon di Kubrick). In Berlin Kabarett anche il pubblico sarà parte della scena, dova potrà anche ordinare ai tavoli dell’ottimo champagne. Nella prosa la 87enne Adriana Asti con Lucinda Childs per La Ballata della Zerlina di Broch. Un’altra drammaturgia di René de Ceccatty  che parla di amore, erotismo e la ribellione. Copppia inattesa quella di Eva Riccobono e  Andrée Ruth Shammah con Coltelli nelle galline. Si tratta del primo testo del pluripremiato drammaturgo David Harrower, che racconta di un “campagnolo” triangolo amoroso.

Una curiosità culturale lo spettacolo di teatro tradizionale giapponese il 28 e 29 con esempi di Kyogen e No. Tra gli interpreti degli antichi stili di scena nipponica, Yusuke Kanai attore fra i più rinomati del teatro no in Giappone.

La grande musica in piazza e a teatro con 62 Spoleto Festival

Dopo i grandi concerti di Fiorella Mannoia e Francesco De Gregori, il Festival di Spoleto 2019 regalerà al suo pubblico la musica in piazza Duomo di Vinicio Capossela con Cantata per le creature. Al Teatro Romano suonerà il pianoforte di Stefano Bollani che si unirà al bandolim di Hamilton De Holanda. I tradizionali Concerti di mezzogiorno e della sera, dal 29 Giugno, saranno affidati ai maggiori talenti dei conservatori italiani, vincitori del Premio Nazionale delle Arti. Concerto al Festival di Spoleto anche per l’Orchestra Filarmonica di Medellin, nell’ambito della collaborazione col Cartagena Festival Internacional de Música. E poi come detto gran finale, il 14 Luglio in Piazza Duomo con il Maestro Daniele Gatti e la musica di Verdi. Sarà anche la prima volta al Festival per il Coro e Orchestra del teatro dell’Opera di Roma.

Tra danza, mostre ed anniversari speciali

Un Festival di Spoleto che come sempre non tradisce le aspettative in termini di varietà di programma e spettacoli. A quanto detto si aggiungono tanti contributi tra cui il Ducth National Ballet, tra le più prestigiose compagnie mondiali in Ode to the master.

L’Ecole Atelier Rudra Bejart con il biografico My french Valentino ripercorrerà i primi anni di carriera del divo nella Parigi della Belle Epoque.Corrado Augias dal 12 Luglio ricorderà i 500 anni della morte di Lucrezia Borgia attraverso le testimonianze e interpretazioni di Ferdinand Gregorovius, Victor Hugo, Geneviève Chastenet.

Stesso giorno per il programma speciale per i 100 anni dalla fondazione della Bauhaus. Quest’ultima, fù definita come il “cantiere della modernità”, formando intere generazioni di artisti agli inizi del XX secolo. Per l’occasione si vedranno le ricostruzioni del Balletto triadico di Oscar Schlemmer del 1922 e Quadri di una esposizione di Vassily Kandinsky sulle musiche di Modest Musorgsky del 1928.

Programma completo e informazioni per i biglietti del Festival di Spoleto 2019 disponbili sul sito ufficiale della rassegna!

La capitale mondiale dell’arte in estate è sempre Spoleto con il Festival dei Due Mondi!

In attesa di ulteriori novità si cosa vedere in questo grande evento, assicurateVi il soggiorno nelle giornate più vive e richieste in questa città!

 

Spoleto di Primavera 2019

Che Primavera a Spoleto! Il programma completo de Spoleto di Primavera 2019!

Nuova stagione e nuovi eventi: Ecco Spoleto di Primavera 2019

Con straordinaria precisione, ogni nuova stagione climatica corrisponde ad un nuovo ciclo di eventi che Spoleto propone ai suoi turisti e cittadini. Sono da poco terminate le tantissime iniziative che hanno accompagnato il trascorrere dell’inverno, allietando, riunendo e divertendo giovani e adulti. In quelle occasioni, a riscaldare gli animi anche dei tanti visitatori erano stati sopratutto concerti di musica classica, giochi ed eventi per bambini e rassegne cinemtaografiche. Arrivati ora ad aprile, non poteva che essere il momento di studiare e proporre una nuova rosa di eventi a Spoleto che riflettessero la varietà che rappresenta la primavera in ogni luogo, ed in questo ancor di più. Rispondente a questa esigenza, è stato da poco annunciato l’inizio del cartellone de “Spoleto di Primavera 2019”.

Anche in questo caso, con l’aiuto delle tante associazioni culturali, sportive e sociali, la città ha voluto premiare tutti coloro che decideranno di godersi la primavera in Umbria. Un nuovo grande investimento per l’amministrazione locale, volto alla valorizzazione del territorio spoletino inteso nella sua unitarietà. Spoleto di Primavera 2019 prevede ed agevola infatti l’attiva partecipazione della popolazione nella realizzazione di eventi e manifestazioni che porteranno, come sempre, tanti turisti alla curiosa ricerca di cose da vedere in Umbria.

In una serie articolata di conferme e novità, in Spoleto di Primavera verrà data particolare enfasi agli eventi sportivi. Si sono già presentati i ricorrenti ed attisissimi appuntamenti come la Settimana Internazionale della Danza (9/13 Aprile) ed il Torneo Volley Città di Spoleto 2019 (18/20 Aprile)A questi si aggiunge quest’anno un grande ritorno. La troupe di Don Matteo a Maggio darà il via al primo ciak della stagione n°12 della celebre fiction.

Oltre 35 iniziative da non perdere: Spoleto di Primavera da Aprile a Giugno 2019 a Spoleto

Visto anche l’avvicinarsi della Santa Pasqua, per la quale è sempre possibile approfittare del Pacchetto Vacanza dedicato, il primo appuntamento è stato di carattere spirituale. Presso la bellissima Chiesa di S.Gregorio Maggiore si è svolto il concerto de l’Elevazione Musicale per la Settimana Santa. Da ora in avanti è però indispensabile fare il punto di ciò che avverrà, elencando sinteticamente gli eventi più interessanti a Spoleto e in Umbria per la primavera 2019.

SPORT E CONCORSI

Già detto del Torneo Volley Città di Spoleto, che per la sua 25° edizione ha raccolto un numero di adesioni mai registrato prima, altri imperidibili eventi sportivi intratterranno gli appassionati:

  • 19/22 Aprile presso il Centro Sportivo Flaminio, il 5° Torneo giovanile di Pasqua. La ASD Spoleto Calcio 2015 organizza anche quest’anno un torneo calcistico che negli anni ha visto anche la partecipazione di formazioni giovanili di squadre di prim’ordine.
  • 25 Aprile presso l’ingresso della ex Ferrovia Spoleto – Norcia ore 9.00; Spoleto in Bici. Come una sorta di anteprima del grande evento sportivo “La Spoleto Norcia in MTB”, la Festa della Liberazione a Spoleto si celebra in bicicletta. Una emozionante passeggiata aperta a tutti lungo un percorso collinare noto in tutta Italia.
  • 01 Maggio presso Piazza d’Armi e percorso extraurbano; Trofeo Italiano Scrambler e Interregionale Mininenduro. A cura del Motoclub Spoleto un’emozionante prova per i talentuosi motociclisti fuoristrada. Nella stessa data Escursione sull’antica via Romano – Lauretana a cura del CAI Spoleto.
  • 8/9 Giugno a Monteluco: Campionato Sociale di Allevamento Doberman. Anche quest’anno l’Associazione Nazionale Amatori Doberman riunirà sui verdi prati del monte spoletino centinaia di magnifici amici a 4 zampe che si contenderanno varie prove con la giuria di esperti internazionali.
  • 13/16 Giugno lungo tutto il centro storico; 56a Corsa dei Vaporetti di Spoleto. Adrenalina e folli corse sui tradizionali vaporetti che per tre giorni invaderanno il centro cittadino fino alla proclamazione della coppia vincitrice.
  • 15/16 Giugno presso il Palazzetto dello Sporto Don Guerrino Rota: Gala di Aerobica Sportiva. Il CSEN riporta a Spoleto le migliori esibizioni di Società ed Istituti Scolastici alla ricerca di un nuovo talento.
MUSICA E CONCERTI

Di qualunque stagione si tratti, a Spoleto è sempre stagione di grande musica e arte. Anche in “Spoleto di Primavera” si potrà dunque ascoltare una prestigiosa schiera di grandi esibizioni a cura della Filarmonica Umbra e non solo:

  • 14 Aprile al Teatro Caio Melisso “Spazio Carla Fendi” ore 17.00: Concerto Inaugurale – i Solisti dell’Orchestra da Camera di Perugia. Esibizione con il M° F. Pepicelli al violoncello. Con il riferimento a “papà Hydn”, il concerto è dedicato al compositore autriaco. Si parla di uno dei più grandi geni della musica strumentale, di cui è stato grande sicuro influenzatore. L’Associazione Filarmonica Umbra nasce è attiva dal 1978 e vanta una serie di 32 prestigiose stagioni realizzate.
  • 27 Aprile al Teatro Caio Melisso “Spazio Carla Fendi” ore 21.00: Concerto Vivaldi, falsi d’autore – Accademia Hermana. 
  • 03 Maggio presso Il Teatro Nuovo “Gian Carlo Menotti” ore 21.00: Concerto Mogol racconta Mogol. La musica del grande autore italiano torna a Spoleto questa volta direttamente dalla voce dell’artista accompagnato dalla sua band. Lo scopo benefico è quello di raccogliere fondi destinati ai Bambini di Gerico.
  • 11 Maggio Teatro Caio Melisso “Spazio Carla Fendi” ore 17.00: Concerto Beethoven…L’Umanità – Trio Metamorphosi. Un concerto sull’onda del numero tre. Il Trio Metamorphosi è infatti assoluta garanzia di qualità e capacità di sperimentazione. Tre come gli strumenti suonati dal Trio, composto da Mauro Loguercio al violino, Francesco Pepicelli al violoncello e Angelo Pepicelli al pianoforte.
  • 25/26 Maggio presso l’Auditorium della Stella: “…Era di Maggio”. Graffiti dal ’68. Non solo un concerto ma un mix tra Teatro video e Musica dal Vivo in un percorso della memoria sull’onda dei ricordi di chi ha vissuto il fatidico anno 1968. A cura dell’Associazione Teodelapio.
  • 09 Giugno Teatro Caio Melisso “Spazio Carla Fendi” ore 21.00: Gershwin – Francois – Joel Thiollier al pianoforte.
MOSTRE 

In programma a Spoleto di Primavera anche una serie di ricche mostre. Queste andranno così ad aumentare l’offerta della città in uno dei momenti di maggiore interesse economico in campo turistico e dell’accoglienza per il tessuto cittadino, sconfinando ben oltre la stagione primaverile:

  • 21 Luglio/31 Dicembre 2019 al Museo Archeologico Nazionale di Spoleto: Il teatro nascosto. Una storia per immagini. Una mostra promossa dal Polo Museale dell’Umbria – Museo Archeologico e Teatro Romano di Spoleto che si avvale di fotografie inedite risalenti agli anni del ritrovamento del Teatro Romano di Spoleto e della sua messa in luce, dal 1938 al 1960.
  • 24 Gennaio/21 Luglio 2019 al Museo Nazionale del Ducato di Spoleto: L’Intelligenza nelle mani. Mostra con il coordinamento dell’Associazione Italia Langobardorum in cui vengono illustrati i saperi tecnici-produttivi dei Longobardi in Italia. Vengono in pratica individuati i processi che portarono questo popolo a integrare il loro patrimonio tecnico con quello romano-bizantino di matrice mediterranea.
  • 30 Marzo/02 Giugno presso Palazzo Collicola Arti Visive: Ekaterina Vorona – Dreamscape. Mostra a cura di Gianluca Marziani in collaborazione con Francesca Anfosso e Anna Vyazemsteva. L’ artista moscovita presenta il risultato degli ultimi cinque anni di produzione. Un limpido distillato figurativo sul paesaggio acquatico. Una visione omogenea che metabolizza le ricerche europee di fine Ottocento con silenziosi ma significativi spostamenti concettuali. Qui per la descrizione dettagliata.
PRESENTAZIONI LIBRI E INCONTRI DI STUDIO

Tanto spazio anche ai libri ed alla lettura di vario genere. Come fatto di consueto da altri grandi autori Palazzo Mauri, Biblioteca Comunale “G.Carducci” e la Rocca Albornoz saranno sede delle seguenti presentazioni:

  • 10 Aprile ore 17.00 Barzellette di e con Ascanio Celestini che ha raccolto e reinventato barzellette provenienti da ogni parte del mondo.
  • 18 Maggio ore 17.00 Isabella e Lucrezia, le due cognate. Di Alessandra Necci la storia di donne di potere e di corte nell’Italia del Rinascimento.

Inoltre, con grande orgoglio, anche Albornoz Palace Hotel entra nel programma degli eventi con la prestigiosa LXVII Settimana di Studi dell’Altro Medioevo. A cura della Fondazione CISAM, giornate di incontri e di conferenze in cui interverranno luminari e studiosi internazionali in materia di Medioevo.

INTRATTENIMENTO

Quando si parla di cose da fare in primavera in Umbria, non possono mancare i riferimenti ad un sano divertimento ed un occhio di riguardo all’intrattenimento per adulti e bambini e agli eventi enogastronomici. Ecco allora alcune delle occasioni da non perdere di Spoleto di Primavera:

  • 13 Aprile al Giro della Rocca dalle 10.00 – 13.00 Pappagalli in Volo. 
  • 20 Aprile Palazzo Collicola e Centro Storico ore 15.00 Caccia all’Uovo social. Un’avventura, rivolta a grandi e bambini,  lungo le vie del centro storico animate da giochi di magia, bolle di sapone e musica. Per partecipare basta avere uno smartphone ed un profilo Instagram. In palio squisite uova di cioccolato artigianali con tante sorprese.
  • 31 Maggio/02 Giugno al Centro Storico: Spoleto il Salotto del Gusto – Le Eccellenze dei Prodotti Tipici Umbri. Quale migliore occasione per assaporare e scoprire i migliori prodotti tipici di Spoleto e dell’Umbria? Una tre giorni di squisita full immertion tra workshop, degustazioni e show cooking. Presenti chef stellati ed artigiani internazionali.

In concomitanza ci sarà un’esplosione floreale con “Spoleto in Fiore”. Una mostra mercato che torna lungo le vie del centro dedicata ai fiori, erbe e piante da frutto.

  • 01 Giugno al Centro Storico dalle ore 22.00: ICHOS ECHOS – Music Art Experience. Il mese di Giugno a Spoleto comincia non dormendo ma divertendosi di notte in una città illuminata alle prese con shopping, musica, animazione, esibizioni di danza e DJ set.

Si potrebbe andare avanti ancora, tanto è ricco di sorprese il programma completo studiato per Spoleto di Primavera 2019. Una stagione che a Spoleto vuole essere sinonimo di eclettismo, in cui chiunque possa rintracciare elementi di cultura, arte, sport, divertimento e gastronomia che solo uniti in un unico contenitore danno degna rappresentazione di questa città.

Gli eventi a primavera a Spoleto non mancano di certo! Manca solo che scegliate il periodo e l’evento che più Vi interessa!

Prenotate ora il Vostro Soggiorno primaverile in Umbria!

Settimana Internazionale della Danza 9/13 Aprile 2019

dal 09 al 13 Aprile una nuova emozionante Settimana Internazionale della Danza a Spoleto!

Spoleto si alza sulle punte! Sta per partire la Settimana Internazionale della Danza 2019

Il mese di Aprile porta con se l’allungarsi delle giornate, la nuova fioritura della vegetazione e tanta voglia di scoprire appuntamenti più o meno ricorrenti. Quest’anno sarà anche l’occasione di trascorrere una Santa Pasqua dedicandosi a rilassanti passeggiate e visite culturali, in una Spoleto mai tanto bella come in questo periodo. Ci sono poi appunti quegli eventi che ogni anno rendono ancor più ricca ed attesa una visita a questa città. Ecco dunque che per la componente sportiva si è già parlato del 25° Torneo Volley Città di Spoleto. Resta invece da sottolineare la sempre straordinaria compagine artistica e culturale che vede l’avvicinarsi dell’inizio della Settimana Internazionale della Danza 2019.

Con il traguardo delle ventotto candeline, il corso internazionale di danza tra i più famosi al mondo tornerà ad emozionare Spoleto dal 09 al 13 Aprile 2019. Il Concorso Internazionale di Danza “Città di Spoleto” è considerato uno dei più importanti interpreti e portavoce del panorama mondiale della danza. Un connubio inossidabile quello tra questa fantastica disciplina e la città, che negli anni ha potuto crescere costantemente meritandosi quel consenso e quel successo che lo rendono ad ogni edizione tanto atteso.

La danza rappresenta per tutti il sesto senso dell’uomo e la lettura della musica. Essa è espressione artistica del linguaggio internazionale e come nessun’altra disciplina, capace di appassionare uomini, donne, adulti e bambini. Nella città dell’arte per antonomasia, il presidente onorario Alberto Testa e la direttrice artistica Irina Kashkova, non potevano che pensare ad un programma adatto a tutti gli “affamati” di arte. Non solo danza; di anno in anno l’evento allarga il proprio orizzonte anche altre espressioni artistiche quali:

  • pittura
  • scultura
  • fotografia
  • rassegne cinematografiche
  • conferenze e spettacoli

Settimana Internazionale della Danza 2019: tanto spettacolo fino alla Serata di Gala

Come sempre avviene, anche in questa ventottesima edizione del concorso internazionale di danza di Spoleto vedrà l’esibizione di artisti provenienti dalle migliori Accademie e Scuole Professionali del mondo. Una prestigiosa giuria, composta da membri facenti parte di enti Lirici e compagnie di danza mondiali, valuteranno le esibizione stesse dalle quali usciranno i vincitori di borse di studio, contratti di lavoro e premi in denaro.

Solitamente formata da direttori di Accademie, ballerini internazionali, docenti e giornalisti, di seguito la composizione della giuria scelta per l’edizione 2019 dell’International Dance Competition Città di Spoleto (Qui per sapere tutti sui giurati):

  • Maria Grazia Garofoli, Presidente di Giuria
  • Matteo Levaggi, coreografo e performer di fama internazionale
  • Regina Kaupuza, Rettore accademia nazionale di Riga – Lettonia Ballet
  • Valetina Kozlova, fondatrice IBCVK
  • Seda Ayavazoglu, Docente presso Izmir Doku Eylul University State
  • Samuele Cardini, direttore artistico Festival SUD.O.R.E.
  • Sara Zuccari, critico di danza e direttore di giornaledelladanza.com e presidente Premio della Critica

La serata di Gala del 13 Aprile, presso il Teatro Nuovo “Gian Carlo Menotti” dove è appena terminata una grandissima Stagione di Prosa 2019, vedrà l’annuncio e la premiazione dei vincitori nelle tradizionali categorie del concorso che quest’anno comprendono anche due novità:

  • Solisti Classica
  • Solisti Moderna – Contemporanea
  • Pas de Deux
  • Composizione Coreografica
  • Promesse (novità di quest’anno riservata ai giovanissimi 9-11 anni)
  • Gruppi (per i gruppi che vogliono presentare lavori di coreografia di repertorio classico, moderno e folk)

Tra le novità anche il ritorno dopo tredici anni di assenza del Premio Internazionale Gino Tani per le arti dello Spettacolo. Il riconoscimento che in passato è stato vinto anche da Carla Fracci, Roberto Bolle ed Eleonora Abbagnato.

Grazie al rinnovato sostegno del Comune di Spoleto e della Cassa di Risparmio di Spoleto, oltre che del MIUR e di straordinari sponsos, la danza e Spoleto, anche nel 2019, non deluderanno le attese.

Tutte le informazioni su uno degli eventi coreutici più importanti e famosi al mondo sono disponibili sul sito ufficiale della rassegna!

Per respirare l’atmosfera di queste giornate danzanti a Spoleto non resta che assicurarsi il Soggiorno fino al 13 Aprile!

25° Torneo Città di Spoleto – 18/20 Aprile 2019

è tutto pronto per il tradizionale Torneo Volley Città di Spoleto!

Il grande Volley a Pasqua è in Umbria: Ecco il 25° Torneo Volley Città di Spoleto

Fervono i preparativi e cresce l’attesa per queste vacanze pasquali. Si avvicina a grandi passi il momento in cui l’Umbria regalerà al suo folto palcoscenico di visitatori il volto più colorato che le appartiene. La concomitanza della Pasqua 2019 con la stagione primaverile consente infatti di approfittare della miglior veste che questo territorio può indossare e dei migliori eventi e manifestazioni che in esso hanno luogo. Tra questi ultimi, l’appuntamento tradizionale torna puntuale con il Torneo Volley Città di Spoleto, giunto ormai alla 25° edizione.

Riservato a squadre pallavolistiche giovanili femminili, provenienti da tutta Italia, il Torneo Volley Città di Spoleto, organizzato dalla ASD Volley Spoleto, è da sempre mosso da nobili propositi. Da una parte c’è il sostegno e l’invito a quella sana compartecipazione di attività sportive, che soprattutto a livello giovanile, può essere quantomai educativa e formativa. Dall’altra, l’adesione al fenomeno crescente chiamato turismo sportivo che permette al turista odierno di unificare in un’unica esperienza: relax, turismo culturale e benessere con un occhio rivolto allo sport.

La Pasqua 2019 in Umbria, tra tante offerte, si arricchisce dunque di una nuova possibilità. Grazie anche al Pacchetto Pasqua 2019 a Spoleto si potranno trascorrere giornate all’insegna della forma più eclettica di turismo che questa terra può offrire. Tra visite guidate, spiritualità, eventi e manifestazioni musicali (come Umbria Jazz Spring 2019) e rassegne sportive, ci sarà la possibilità di dedicarsi ad ogni passione e desiderio turistico. 

Un grande torneo dal 18 al 20 Aprile nella città del Volley

Il prolificarsi della presenza di tornei di Pasqua in Italia non può lasciare inerme una città in cui il volley è di casa. Non solo dunque le seguitissime ed entusiasmanti stagioni della Monini Marconi Volley, anche quest’anno in lotta per la promozione nella massima serie nazionale. A Spoleto da oltre vent’anni il successo di pubblico sportivo e non, è assicurato dai tornei giovanili di Natale e Pasqua organizzati dalla ASD Volley Spoleto con il Patrocinio del Comune di Spoleto e gli altri enti istituzionali regionali oltre che dalla Fipav e dal Coni.

Il Torneo di Volley Città di Spoleto raccoglie gran parte della cittadinanza ed appassiona curiosi e visitatori. Un tour nei maggiori impianti sportivi della città per un susseguirsi di oltre 30 partite coinvolgenti e di qualità tecnica non indifferente. Tutto questo e molto altro rappresenta un torneo che è ormai è anche tradizione e sinonimo di attenzione al tema ai valori sportivi, che forse nelle categorie giovanili trovano ancora lo spazio preponderante.

Una nuova emozionante opportunità da sfruttare durante il Vostro indimenticabile weekend di Pasqua 2019 a Spoleto!! Assicuratevi qui la Vostra camera!

 

Marconi Vintage 2019

il 30 e 31 Marzo non perdete il Marconi Vintage 2019 a Spoleto

Come godersi una Spoleto a tinte retrò con l’arrivo del Marconi Vintage 2019

Con la primavera ormai alle porte anche la grande stagione di eventi 2019 in Umbria è pronta a ripartire a fortissimo ritmo. In questo contesto di cambiamento climatico si inserisce l’affacciarsi del miglior periodo per visitare Spoleto e tutte le altre attrazioni storiche e naturalistiche di questo territorio. Grazie all’avvicinarsi delle festività Pasquali infatti, turisti nuovi ed abituali si riversano spesso alla ricerca di pacchetti vacanze ed occasioni per passare giornate in relax in compagnia delle feste e degli eventi più interessanti. Il caso ha voluto che il periodo in esame coincida con il prossimo svolgimento del Marconi Vintage 2019, nel weekend del 30 e 31 Marzo.

Inizialmente previsto per lo scorso mese di Novembre 2018, la settima edizione del Marconi Vintage sarà questa volta vestito di abiti primaverili. Una curiosità che fa senza dubbio crescere l’attesa per un evento che promette di essere tra i migliori in programma quest’anno a Spoleto. Le conferme per spoletini e turisti provenienti da tutta Italia, saranno sicuramente gli ingredienti che hanno permesso di raggiungere lo straordinario successo delle precedenti edizioni, ma non solo:

  • Arte
  • Gastronomia
  • Musica
  • Shopping
  • Animazione

Coerentemente con il principio che “squadra che vince non si cambia”, la manifestazione vedrà la città di Spoleto, lungo tutta l’omonima via, ma anche lungo tutto il centro storico, ancora una volta invasa da mercatini, street food, mostre d’auto e moto, fotografiche, pittoriche, eventi musicali, animazione per bambini, bancarelle e tanto altro.

L’espansione del Vintage in Italia e non solo

Negli ultimi anni il mondo del vintage, o se si preferisce del retrò, ha conosciuto un numero sempre maggiore di appassionati con la conseguente nascita di eventi ad essi dedicati. Si può dire che questo settore rappresenti ormai una realtà consolidata sia dal punto di vista sociale che sopratutto economico, con un giro di affari che solo in Italia raggiunge i 20 miliardi di euro. L’attenzione all’antiquariato, o comunque agli oggetti del passato, fa però tendenza praticamente in tutto il mondo, pur restando le più caratteristiche città italiane mete ideali per le sue manifestazioni più importanti e seguite.

Tra i settori maggiormente in voga nelle fiere e negli eventi vintage vi sono senza dubbio quello della fotografia, della musica e della moda. Partendo da quest’ultima, forte è la concentrazione sui dettagli quali bottoni, stampe e cerniere composti da tessuti oggi impossibili da riprodurre. Parlando dell’ambito musicale è impossibile non riferirsi ai ricercatissimi dischi in vinile o alle gloriose chitarre d’epoca. Infine è curioso come nella fotografia, la nostalgia passione per l’analogico, abbia portato alcune case produttrici ad ideare delle macchine fotografiche digitali ma che richiamino i modelli degli anni ’70 e ’80.

Perchè non perdersi il Marconi Vintage 2019 a Spoleto

Dalla breve descrizione sulla crescita dell’universo vintage si intuisce come siano moltissimi i luoghi italiani dove i più variegati mercatini e le più partecipative fiere mettono orgogliosamente in mostra i loro pezzi del passato. Solo per fare due semplici e poco esaustivi esempi, si ricordano l’appuntamento trentennale di Firenze con il Vintage Selection o il Sunday Market di Roma, a forte connotato internazionale.

Venendo al Marconi Vintage di Spoleto, si può affermare come il proposito dell’Associazione Culturale Il Bruco, organizzatore dell’evento insieme al Comune di Spoleto, sia ricalcare il prestigio dei più celebri eventi vintage associandovi tradizione, familiarità, folklore ed allegria che solo una regione l’Umbria sa regalare. Per questo, tra conferme e novità assolute, la promessa fatta a quanti vorranno scoprire questo emozionante evento è quella di un imperdibile tuffo nel passato all’interno di una cornice incredibilmente suggestiva. Lungo il percorso adulti e bambini si avventureranno così tra:

  • appetitosi Street Food, con furgoncini provenienti da tutta Italia
  • mercatini di antiquariato ed artigianato
  • esibizioni musicali
  • eventi sportivi a cura delle associazioni locali
  • animazione
  • imperdibili mostre come la “Art In”  (pittura) e la “Spoleto come Eravamo” (fotografica).

In attesa di conoscere tutte le sorprese del Marconi Vintage 2019, preparatevi alla Vostra fuga nel passato!

Scoprite quanto emozionante può essere passeggiare a Spoleto tra le emozioni degli anni a cui siete più legati! Prenotate Ora il Vostro soggiorno per il 30 e 31 Marzo 2019!

Festa di San Ponziano – 14 Gennaio 2019

In ogni momento dell'anno potete visitare la bellissima Chiesa di San Ponziano Patrono di Spoleto!

 È ancora tempo di celebrazioni. Si ricorda San Ponziano patrono di Spoleto

“L’Epifania tutte le feste le porta via!”. Si, ma non a Spoleto.
Con l’ultima ricorrenza del periodo natalizio, dedicata all’avvento dei Re Magi e celebrata nelle città italiane e del mondo con l’arrivo della Befana, si torna momentaneamente alla normalità in attesa della prossima festa. O almeno così è nella maggior parte dei casi. Non in tutti. Ci sono infatti dei luoghi in cui la storia ha portato con sé, insieme a meraviglie artistiche ed architettoniche, un’ulteriore possibilità di svago e di arricchimento culturale. Il 14 Gennaio di ogni anno, torna infatti puntuale la festa di San Ponziano patrono di Spoleto. Si parla della sentitissima ricorrenza del martirio del Santo Patrono della città che ogni anno raccoglie tutta la cittadinanza e curiosi turisti in un percorso liturgico ed artistico di notevole interesse.

Mentre va avanti il grande successo del programma di Spoleto d’Inverno, che promette di regalare ancora momenti di sano e ricco intrattenimento, Spoleto e l’Umbria si arricchiscono di uno degli eventi più attesi di ogni anno. Giornate di intense emozioni che culminano con la giornata del 14 Gennaio in cui tutta la popolazione si radunerà intorno alle spoglie del Santo Patrono. La tradizione vuole che i giorni antecedenti alla giornata clou, siano caratterizzate da eventi e celebrazioni a cui partecipano anche Chiese e borghi limitrofi. Un intenso e profondo cammino di accompagnamento fino al fatidico momento. Quando cioè le reliquie di San Ponziano Martire da Spoleto saranno riportate nella Basilica a lui dedicata. Il tutto, in un lungo corteo aperto da cavalli e cavalieri. Ponziano infatti, nell’iconografia locale, è raffigurato a dorso di un cavallo e definito come un “Felice cavaliere del cielo”. 

Un culto oltreconfine. Ecco la storia di San Ponziano Patrono di Spoleto

La storia parla di Ponziano da Spoleto come un giovane discendente di nobile famiglia locale al tempo dell’imperatore Marco Aurelio. Una notte egli avrebbe avuto un sogno che cambierà la sua storia e quella di Spoleto. Il Signore lo esortava a diventare un suo fedele servitore. Fu così che senza esitare, Ponziano si mise a predicare il nome del Signore, combattendo in prima persona le persecuzioni “fabiane” dei cristiani . A seguito del suo arresto, la tradizione gli attribuisce l’espressione “Io sono Ponziano ma mi puoi chiamare Cristiano”. Una prova di fede che gli costò il martirio prima del quale fu sottoposto a prove estreme:

  • Lanciato in una gabbia di leoni, che però invece neanche lo toccarono
  • Fu fatto camminare su carboni ardenti senza che egli ne soffrisse alcuna pena
  • Fu messo a diguno senza acqua e cibo, ma gli Angeli provvedevano a fornire ogni vivanda.

Ecco allora che nel 175 si decise per la pena capitale per mezzo di decapitazione. Ponziano da Spoleto venne condotto in un ponte (oggi Ponte Sanguinario) ed in seguito all’esecuzione la sua testa rimbalzò fino al colle in cui tutt’oggi si innalza la Chiesa di San Ponziano, a cui vi era annesso il Monastero.
Il culto del santo assume anche un profilo internazionale nonché protettivo. Nell’anno 966, Baldrigo Vescovo di Utrecht, di ritorno da Roma ottenne dagli spoletini delle ossa di San Ponziano che portò con sé. Da allora anche nella città di olandese, questa giornata è celebrata la festa di San Ponziano. Il 14 Gennaio del 1703 le città limitrofe di Cascia e Norcia vennero distrutte da un terribile terremoto. Anche durante il martirio del santo sembra che la terrà tremò; fu allora che San Ponziano con l’espressione “Spoleto tremerà ma non crollerà” divenne il protettore dei terremoti.

Il Complesso di San Ponziano a Spoleto

Si erge laddove la testa decapitata del martire giunse facendo zampillare una fonte. A pochissima distanza dal centro della città, adagiata in un dolce e sinuoso colle, il complesso monumentale del Santo presenta elementi architettonici affascinanti.  L’ esterno della Chiesa ( XII-XIII sec.) ricorda le altre chiese romaniche spoletine. Sul lato sinistro si erge il campanile e sul destro si denota il profilo di una bassa navata laterale. L’architrave del portale riporta l’Agnus Dei tra un leone ed un’aquila, mentre del rosone rimane solo la cornice con bassorilievi con i quattro Evangelisti. Evidente è invece lo stampo settecentesco della parte interna. Una pianta a tre navate con presbitero sopraelevato prevede anche una cripta sottostante coperta di affreschi nei secoli XIV e XV secoloTra questi si evidenziano:

  • la Madonna tra San Sebastiano e un altro santo, datato 148
  • San Bernardino da Siena
  • un fanciullo nudo che reca i segni di un completo martirio (forse San Ponziano, forse Simonino da Trento)
  • Madonna in trono con Bambino
  • Raffigurazione di San Rocco
  • Crocifissione con due Marie e l’animula portata in cielo

Molti di questi e di altri affreschi presenti sono opere di autori umbri del XV secolo con chiare ispirazioni giottesche. Di fortissimo impatto sono le rappresentazioni degli altari laterali con San Francesco che riceve le stimmate e l’Immacolata con i Santi. Entrambi guardano il dipinto dell’altare centrale con la Decapitazione di San Ponziano. Sulla pagina dedicata del sito del Comune di Spoleto sono disponibili foto ed altre informazioni sul complesso.

Cosa prevede la festa di San Ponziano Patrono di Spoleto

L’Archidiocesi e la Città di Spoleto si apprestano a festeggiare il Santo Patrono, il martire Ponziano. La tradizione vuole che la preparazione alla celebrazione sia condotta dal Triduo di incontri in diverse chiese locali. Inoltre dal 10 al 12 Gennaio S. Ponziano si farà messaggero di misericordia. L’Arcivescovo porterà la reliquia dapprima tra i detenuti del carcere e poi tra le donne disabili accolte dalle suore della Sacra Famiglia alle Lacrime di Trevi e tra gli ospiti del Centro di Solidarietà “don Guerrino Rota” di Spoleto.

Le celebrazioni vere e proprie inizieranno domenica 13 gennaio alle ore 17.30 nella Basilica Cattedrale con la celebrazione vespertina e la testimonianza del Card. Ernest Simoni dal 1963 al 1991 prigioniero della dittatura albanese. Lunedì 14 gennaio, solennità del patrono: alle 11.30 in Duomo l’Arcivescovo presiederà il solenne pontificale. Prenderà il via la processione introitale del Pontificale, con la reliquia, dalla Cappella Palatina del Palazzo Comunale.
Nel pomeriggio poi, dalle ore 16.00 la celebrazione dei secondi vespri e processione aperta da cavalli e cavalieri alla Basilica di S Ponziano. Al termine, Messa di ringraziamento.

 

La ricorrenza di San Ponziano è l’occasione ideale per vivere una delle giornate più sentite per la città! Un dovere è ammirare la stupenda Chiesa e l’intero complesso dedicato al patrono di Spoleto! Prenotate il Vostro Soggiorno!

 

Picasso Ritratto Intimo – 15 Dicembre 2018/31 Marzo 2019

Tra le tante iniziative a Spoleto non perdete la mostra fotografica su Picasso!

Come conoscere un artista attraverso delle fotografie? Arriva una nuova imperdibile mostra fotografica su Picasso

Nel tempo di Instagram e della ricerca del selfie perfetto, il concetto di fotografia ha senza dubbio ampliato esponenzialmente orizzonti, soggetti ed interpretazioni. Chiunque ad oggi può immortalare un momento particolare. Un paesaggio, amici e persone care, eventi particolari ed emozioni vissute sono abitualmente condivise pressoché con il mondo intero. Traslando il significato della fotografia nel panorama artistico, se ne può però constatare il più che mai alto valore qualitativo. È per questo che parlando di fotografie, va sottolineata l’importanza resistente del panorama delle mostre e delle foto artistiche. Tanti sono gli autori e gli appassionati mossi dalla continua ricerca dello scatto pregiato, magari anche riferito a grandi personaggi ed artisti più o meno contemporanei. Tra questi, possono rientrare quelli presenti nella Mostra Fotografica su Picasso a Spoleto a partire da Dicembre 2018.

Gli avventi di app ed evoluzioni tecnologiche non impediscono alla fotografia di crescere come forma artistica. Una forma estremamente diffusa nel mercato ed ancora a costi sostanzialmente contenuti. Una tecnica che ha fatto della riproducibilità un suo credo fondamentale, comprendente una serie di articoli che non smette di catturare ammiratori. Non solo foto d’autore, ma anche reportagefotomontaggipost-produzioni e bianco e nero. Tutte accomunate dalla stessa passione di fondo e che spesso finiscono nelle mire delle tante fiere internazionali (Paris PhotoPhoto London o Mia di Milano) ed eventi comunque legati alla vendita.

Tra gli eventi fotografici resistono tuttavia le straordinarie mostre che consentono al pubblico di avvicinarsi alla fotografia, scoprendo le affascinanti storie che dietro si celano ad esse. Ecco dunque l’attesissima mostra fotografica su Picasso con scatti inediti di Edward Quinn riferiti perlopiù alla vita privata del grande pittore spagnolo.

Chi era Edward Quinn per Pablo Picasso?

Nato a Dublino nel 1920, Edward Quinn è stato uno dei fotografi delle star più famosi del Novecento. Al contrario degli odierni paparazzi, l’artista era ben voluto per la sua classe ed il suo talento. Era anzi ricercato dalle star, che negli anni Cinquanta erano desiderosi di farsi fotografare nel migliore dei modi durante le loro vacanze in Costa Azzurra. Un talento che Quinn esprimeva con produzioni di immagini spontanee e cariche di fascino e pose chic. Il fotografo irlandese annoverò collaborazioni con personaggi di fama mondiale provenienti dallo spettacolo ma anche da altri ambienti:

  • Marlon Brando
  • Sophia Loren
  • Grace Kelly
  • Brigitte Bardot
  • Aristotele Onassis
  • Maria Callas
  • Winston Churchill.

L’incontro con Pablo Picasso avvenne, come con gli altri, in Costa Azzurra. Arrivò nello stesso momento in cui Quinn iniziava a collaborare con una serie di importanti artisti come Salvador Dalì e Max Ernst. Da quella prima foto al pittore con i suoi figli, si sviluppò un’intensa amicizia che ha portato Edward Quinn ad entrare nella sfera privata di Picasso fino alla sua morte nel 1973.

Ecco la Mostra Fotografica su Picasso a Spoleto. PICASSO RITRATTO INTIMO – Foto di Edward Quinn

Basta dare un’occhiata al sito ufficiale riferito al fotografo per capire quanto egli sia riuscito a raccontare la vita di Picasso attraverso le immagini dell’artista. Il profondo legame tra i due, che portava Quinn ad essere definito come “Lui, il ne me dérange pas”, gli consentì di entrare nella dimensione inaccessibile dell’amico-pittore. Donne, realizzazione di opere, alternanza dei periodi, amanti e amicheC’è la biografia e la vita privata ed artistica del genio, nella mostra fotografica su Picasso organizzata da MetaMorfosi, con il patrocinio del Comune di Spoleto. Dal 15 Dicembre al 31 Marzo 2019 a Palazzo Bufalini in Piazza Duomo a Spoleto, saranno esposte oltre ottanta foto di cui 26 inedite e mai stampate. Una raccolta che racconterà ai visitatori il dietro le quinte di questo straordinario artista del XX Secolo.

Gli scatti sono stati selezionati da Wolfgang Frei, curatore della mostra nonché nipote di Edward Quinn. Il preciso intento è quello di trasmettere la tipica spontaneità degli scatti del fotografo rapportata alla vita del pittore. Vengono così evidenziati i momenti e le condizioni in cui Picasso realizzava le sue opere. La tecnica agile di Edward Quinn, privo di treppiede ed illuminazioni artificiali rendono le foto così autentiche e credibili da essere esse stesse vere opere d’arte. Una mostra fotografica a Spoleto che rappresenta Pablo Picasso immerso nelle sue fonti d’ispirazione quotidiane. Uno sguardo profondo però anche alla personalità dell’uomo, descritto sempre come persona ricca di umanità. Oltre 20 anni di immagini che ricordano ancora una volta le molteplici realtà di vita del fondatore del Cubismo.

PICASSO RITRATTO INTIMO Mostra Fotografica su Picasso a Spoleto informazioni ed orari:

Dal 15 dicembre 2018 al 31 marzo 2019 presso la sede MAG Palazzo Bufalini in Piazza Duomo.

  • Aperto dal martedì alla domenica ore 10.00 – 18.30
  • 25 Dicembre: 10.00 12.30 – 15.30/18.30
  • 31 Dicembre: 10.00 18.30
  • 01 Gennaio: 12.30 18.30
  • Costo dell’ingresso: intero 5.00 € ridotto 3.00 €
  • Altre informazioni: 0743-225302

Spoleto è ancora una volta il luogo perfetto per conoscere ed ammirare gli artisti più influenti della storia!

Scoprite la forza ed il fascino delle fotografie su Pablo Picasso per saperne di più su questo straordinario artista dei nostri giorni! Scegliete il periodo migliore e prenotate il vostro soggiorno!

Stagione di Prosa 2018/2019 – 17 Novembre/03 Aprile

è partita la Stagione di Prosa a Spoleto con grandissimi spettacoli!

Si alza il sipario sulla Stagione di Prosa a Spoleto. Ecco tutti gli spettacoli da non perdere dell’edizione 2018/2019

Lo spettacolo andato in scena Sabato 17 Novembre al Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti, “Questi fantasmi!”, commedia capolavoro del grande Eduardo De Filippo, lascia ben intendere quale sia la caratura di questa nuova Stagione di Prosa a Spoleto. A dispetto del primo vero arrivo del freddo in Umbria, a riscaldare le emozioni degli spettatori del Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti ci hanno pensato gli eccezionali attori a cominciare da Gianfelice Imparato e la regia di Marco Tullio Giordana.

Un primo atto di quella che si annuncia come una delle edizioni più importanti per livello internazionale delle produzioni. Basti pensare che “Questi fantasmi!” fu tra le prime opere rappresentate all’estero riscuotendo da subito enorme successo. Un successo che non poteva che essere confermato nel pubblico odierno, a rinsaldare ulteriormente il forte legame tra Spoleto e il Teatro. La Stagione di Prosa a Spoleto 2018/2019 propone un programma di spettacoli con opere provenienti dalla produzioni di mostri sacri come Shakespeare, Ibsen, Bulgakov, Mamet e per l’appunto De Filippo. Da sottolineare anche il livello degli attori impegnati in questa stagione, dove oltre Gianfelice Imparato (de I Bastardi di Pizzofalcone), compariranno altri volti noti al grande pubblico tra cui:

  • Umberto Orsini
  • Lunetta Savino
  • Luca Barbareschi
  • Michele Riondino

Un cartellone che ha suscitato entusiasmo sin dal momento del suo annuncio, evidenziando il grande valore di tutti gli otto spettacoli. Varietà ed eclettismo che coinvolgono produzioni, interpreti, situazioni e contesti drammaturgici, provenienza e percorsi artistici. Il punto di incontro sarà comunque l’Umbria, con Spoleto a fare da guida sotto l’aspetto degli eventi invernali artistici e culturali (Si ricorda anche il programma delle aperture dei musei).

Stagione di Prosa a Spoleto nuova edizione. Ecco il programma completo con orari e date

Gli spettacoli della Stagione di Prosa a Spoleto torneranno ridosso delle festività natalizie. Da quel momento proseguiranno fino agli inizi della primavera per una intesa stagione teatrale in Umbria. Gli appassionati e turisti che affolleranno Spoleto questo inverno troveranno i migliori spettacoli teatrali in Umbria pronti ad attenderli e a stupirli.

Di seguito il programma degli spettacoli a Spoleto. Il teatro prescelto per quasi tutti gli spettacoli è in il maestoso Teatro Nuovo. Ci sarà però occasione di spostarsi anche al suggestivo Teatro Caio Melisso. Per tutti gli altri eventi della Stagione di Prosa nelle altre città umbre visitare il sito ufficiale del Teatro Stabile dell’Umbria.

  • Venerdì 21 Dicembre 2018 ore 21.00: “Il Maestro e Margherita“, con Michele Riondino (Il Giovane Montalbano) dal romanzo di Michail Bulgakov con riscrittura di Letizia Russo. Uno dei più grandi capolavori russi del Novecento. Un’opera che mixa commedia nera, satira socio-politica e tematiche religiose.
  • Sabato 12 Gennaio 2019 ore 21:00: Spettacolo di danza della MM Contemporary Dance Company con due produzioni celebri. Shubert Frames proporrà gli emozionanti capolavori di Frantz Shubert. A seguire con l’ispirazione delle grandi musiche di Gershwin abbinandovi sensazioni di origine pittorica, Gershwin Suite a cura di Howard Hopper.
  • Lunedì 28 Gennaio ore 21.00: “Il Penitente” con Lunetta Savino (Cettina de Un Medico in Famiglia) e Luca Barbareschi. Quest’ultimo è anche regista dello show. L’ultimo testo scritto dal grande drammaturgo statunitense David Mamet. Un dramma moderno in cui la dubbia morale della società mette in crisi uno psichiatra vittima di gogna mediatica.
  • Lunedì 11 Febbraio ore 21.00 e Martedì 12 Febbraio ore 18.00 (Teatro Caio Melisso): “Il racconto d’inverno”  di William Shakespeare. La Compagnia dei Giovani del Teatro Stabile dell’Umbria porteranno in scena una delle tragicommedia del grande drammaturgo inglese. Tematiche complesse ed incastonate tra loro con estrema e abile maestria. Inimicizia, tradimenti e morte, temi tipici del dramma verranno ribaltati da scene bucoliche, danze e satiri, utilizzati per commedie.
  • Martedì 19 marzo ore 21.00: “La Bibbia Riveduta e Corretta” ad opera degli Oblivion. Si tratta di veri e propri fenomeni del web e youtuber. La Bibbia come non è stata mai ascoltata. Un musical comico irresistibile tra sacralità e invenzione della stampa.
  • Venerdì 03 Aprile ore 21.00: “Kiss Me, Kate”  messo in scena dalla compagnia Corrado Abbati. Un vero classico del musical ad opera di Cole Porter. Una perfezione per il genere raggiunta sulla base della commedia di Shakespeare della Bisbetica Domata. Due attori ex sposi si ritrovano a recitare a Broadway tra litigi e gangster.

Info e Costo biglietti della Stagione di Prosa a Spoleto 2018/2019

  • Platea, posto palco platea centrale, posto palco I ordine centrale: intero 21 euro (ridotto 18 euro).
  • Palco platea laterale I ordine laterale, II – III ordine centrale 17 euro (ridotto 14).
  • Posto palco II e III ordine laterale e galleria 10 euro.

Per prenotazioni telefoniche: Botteghino Telefonico Regionale del teatro stabile dell’Umbria al numero tel. 075.57542222 tutti i giorni feriali dalle 16 alle 20 fino al giorno precedente lo spettacolo.

Vendita dei biglietti Stagione di Prosa a Spoleto: botteghino Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti tel. 0743 222647 il giorno dello spettacolo dalle 16.30. Si ricorda che la vendita online sarà attiva dal 24 Novembre sul sito del teatro stabile dell’Umbria.

Se Spoleto è da sempre città dell’arte e dello spettacolo è anche grazie a rappresentazioni teatrali di estremo valore!

Grazie alla nuova Stagione di Prosa assisterete ai migliori spettacoli in circolazione! Non resta che Prenotare il Vostro Soggiorno e preparavi alle emozioni del grande Teatro!

Aperture dei Musei Spoleto da Ottobre 2018

Tutte le date della aperture dei musei di Spoleto in inverno!

Città dell’arte e dei musei:
Ecco il programma delle aperture dei musei di Spoleto per la stagione invernale

Quando si programma un viaggio tante sono gli aspetti a cui pensare. Soprattutto se si è diretti in località ricche di cose da vedere è bene dotarsi di tutte le informazioni utili per ottimizzare al meglio la propria visita. In questo senso, in occasione del nuovo programma di aperture dei musei di Spoleto, per una stagione invernale ricca di turismo in Umbria, si vogliono ricordare tutte le giornate ed i singoli orari di apertura dei migliori musei e luoghi d’interesse della città. Chiunque stia pensando di trascorrere delle giornate all’insegna dell’arte e della cultura in un palcoscenico tra i più suggestivi in Umbria, può decidere di organizzare al meglio come e cosa vedere a Spoleto grazie al programma di aperture ordinarie e straordinarie in programma sino ai primi mesi del 2019.

Con l’arrivo dell’inverno diventa ancor più piacevole regalarsi momenti di arricchenti visite ai più bei luoghi d’interesse artistico-culturale del Centro Italia. Come non sottolineare come in questo senso la città di Spoleto faccia la voce grossa?
A cominciare dalla Rocca Albornoz, possente fortezza che domina sulla città, tutti i tesori storici e le innumerevoli bellezze architettoniche consentiranno di vivere esperienze turistiche uniche nel loro genere. Per ammirare completamente e comprendere nella maniera corretta la storia di questo antico borgo medievale, “Città del Festival dei Due Mondi” e vera e propria patria dell’arte, diventa un’occasione irrinunciabile lasciarsi conquistare dai suoi musei e dalle sue mostre permanenti e non. A Spoleto l’arte non è un concetto univoco. Essa piuttosto viaggia attraverso i binari dei diversi stili.

Non solo Medioevo dunque, uno spazio rilevante è da sempre rivolto a quell’arte contemporanea per la quale questo hotel è tra le più importanti testimonianze. Naturalmente per fornire tutte le informazioni necessarie sui maggiori monumenti della città, le sue piazze ed i suoi vicoli è sempre disponibile INFOPOINT Servizio di informazione.

Il dettaglio di date orari delle aperture dei musei di Spoleto

  • Museo del Tessuto e del Costume dal 28 ottobre 2018
    Sabato e domenica dalle 15.00 alle 18.00. Dal lunedì al venerdì chiuso. Aperture straordinarie: giovedì 1 e venerdì 2 novembre e dal 26 al 31 dicembre – tutti i giorni dalle 15.00 alle 18.00. Chiuso il 25/12 e il 01/01.
  • Casa Romana dal 28 ottobre 2018
    Dal mercoledì al lunedì 10.00 -13.30/14.00 – 17.30. Martedì chiuso. Apertura straordinaria: Martedì 30 ottobre 10.00-13-00/14-17.300. Chiuso il 25/12 e 01/01.
  • Rocca Albornoz e Museo Nazionale del Ducato (Fino al 4 novembre 2018)
    Dal martedì alla domenica dalle 9.30 alle 19.30. Lunedì dalle 9.30 alle 13.30. Lunedì pomeriggio chiuso (ingresso consentito fino a 45 minuti prima della chiusura). Ingresso gratuito la prima domenica del mese. Chiuso il 25/12 e il 01/01.
  • Museo Archeologico Nazionale e Teatro Romano di Spoleto
    Tutti i giorni dalle 08.30-19.30. Ingresso gratuito la prima domenica del mese. Chiuso il 25/12 e 01/01.
  • Palazzo Collicola – Arti Visive
    Museo Carandente e Appartamento Nobile dal 28 ottobre 2018

    Dal mercoledì al lunedì 10.30 – 13.00/15.00 – 17.30. Martedì chiuso.
    Mostre temporanee – II piano espositivo dal 27 ottobre 2018 al 24 febbraio 2019
    Sabato e domenica 10.30 – 13.00/15.00 – 17.30. Dal lunedì al venerdì chiuso. Aperture straordinarie: giovedì 1 e venerdì 2 novembre 2018. Dal 26 al 31 dicembre 2018 – tutti i giorni 10.30 – 13.00/15.00 -17.30.
    Biblioteca Giovanni Carandente dal 28 ottobre 2018
    Giovedì e venerdì 10.30-13.00/15.00-17.30. Lunedì-martedì-mercoledì-sabato-domenica chiuso.

Chiuso il 25/12 e il 01/01

  • Chiesa dei Santi Giovanni e Paolo Ottobre 2018
    Sabato, domenica e festivi 11.00 – 13.00 /15.30 – 17.30.
    Novembre, Dicembre 2018 e Gennaio 2019
    Sabato, domenica e festivi 10.30 – 13.00. Aperture straordinarie venerdì 2 novembre 2018 dal 26 al 31 dicembre 2018 – tutti i giorni Dalle 10.30 alle 13.00 Chiuso il 25/12 e il 01/01.

Per sapere di più si rimanda alla consultazione del sito ufficiale di Sistema Museo!

Avete già scelto la data della vostra visita alle bellezze storiche ed artistiche di Spoleto? Sciogliete gli ultimi dubbi prenotando un unico e suggestivo soggiorno invernale nel più artistico hotel del territorio!