+39 0743 221221

62° Festival Dei Due Mondi di Spoleto – 28 Giugno/14 Luglio

Svelato il ricco programma del Festival di Spoleto 2019!

Ancora un’estate di nuovi mondi artistici: Svelato il programma del Festival di Spoleto 2019

“Il Festival dei Due Mondi è un’isola felice, che deve volare alto sopra ogni cosa”

Con queste parole il direttore artistico Giorgio Ferrara ha presentato il programma del Festival di Spoleto 2019. Per l’edizione numero 62 di una delle rassegne artistiche più importanti al mondo, il manifesto ufficiale riporta infatti il claim “Ocean of Inspiration”. Il Festival dei Due Mondi rappresenta una tradizione artistica a livello mondiale che non smette di essere un’officina di creazioni originali. Storico luogo d’incontro tra culture diverse, rimane fedele all’intento originario: unire i mondi dell’arte in un unico centro. Dapprima il Festival era l’occasione di unire i due mondi geografici dell’America ed Europa. Oggi, grazie ad una sconfinata platea di collaborazioni, la rassegna assicura la presenza dei mondi artistici del classico e del contemporaneo.

Una consacrazione per i tanti celebri artisti che nella storia ne hanno calcato i palcoscenici. Un  vero e proprio sogno per i giovani talenti in rampa di lancio. Ancora una volta il Festival di Spoleto, con un ricchissimo programma. Spoleto si avvincina dunque ad essere la culla dell’arte, dello spettacolo e della cultura in intense ed emozionanti serate estive. Dal 28 Giugno al 14 Luglio 2019, gli occhi del mondo dell’arte saranno puntati sulle suggestive location del centro storico di Spoleto ma non solo. Come spiegato dagli organizzatori in sede di presentazione, l’obiettivo è coinvolgere sempre di più l’intera città. Per questo non mancheranno occasioni per scoprire realtà meno note ma altrettanato culturalmente straordinarie. Solo per citare un esempio, si avrà la possibilità di vistare il deposito di Santo Chiodo. In questa sede sono conservate migliaia di opere d’arte salvate dal terremoto degli anni scorsi.

In misura maggiore rispetto a quanto avviene artisticamente in Italia, il Festival dei Due Mondi sarà ancora sinonimo di sperimentazione. Un programma dedicato ai grandi miti, alla collaborazione con la Colombia, alla figura femminile e con qualche sfumatura pop.

Attesi esordi e grandi ritorni tra lirica, danza, teatro e tanto altro:

Ecco gli appuntamenti principali del programma del Festival di Spoleto 2019

Per il 62° esimo Festival dei Due Mondi, tra i festival più longevi in assoluto, i protagonisti più attesi, a cui spetta il compito di “catturare” le giornate e le serate di giungo e luglio di cittadini e tanti turisti si rifanno ai nomi di:

  • Jean Paul Gaultier
  • Stefano Bollani
  • Vinicio Capossela.
  • Marisa Berenson
  • Emma Dante
  • Adriana Asti
  • Lucinda Childs
  • Eva Riccobono.

Una lunga marcia di spettacoli, in un armonico alternarsi di espressioni artistiche e location, in cui il tempo torna quel 1957, momento in cui il Maestro Menotti donò a Spoleto il Festival dei Due Mondi. In scena anche quadri originali di Kandinsky per celebrare il centenario dalla fondazione della Bauhaus. E poi il giusto spazio alle novità ed ai premi speciali. In European Young Theatre, cinquanta giovani attori e registi delle migliori scuole del mondo propongono i loro studi e le proprie performance. Il 30 giugno a cura della Fondazione Carla Fendi, con la regia di Quirino Conti, Ecce Robot esplora l’intelligenza artificiale attraverso testimonianze illustri e immagini filmiche. Con il premio Repubblica, ancora media partner del Festival, premierà il del festival con il Premio Repubblica che sarà assegnato un talento emergente.

Al Teatro Nuovo Menotti con l’Opera e lo show di Gaultier

Il Festival di Spoleto si apre il 28 Giugno 2019 con il mito di Proserpine di Silvia Colasanti. Opera lirica in due atti, tratta dal poema drammatico di Mary Shelley e da Percy Bysshe Shelley. La storia della Dea rapita da Plutone, re degli Inferi e graziata da Zeus. Nella buca del Teatro Nuovo “G. Carlo Menotti” suonerà l’Orchestra giovanile italiana, diretta da Pierre-André Valade. La scenografia è invece affidata alle grandi opere pittoriche dell’artista contemporaneo Sandro Chia. il direttore Ferrara, ancora regista dell’opera inaugurale del Festival di Spoleto, si affiderà inoltre ai costumi di Vincent Darré. Subito dopo l’opera al teatro sarà la volta di Gaultier con il suo Fashion Freak Show ed i suoi 100 costumi creati per il Festival di Spoleto. Sul palcoscenico, attori, ballerini, cantanti e artisti circensi in un lavoro che intreccia disco music, funk, pop, rock.

Grandi ritorni per gli spettacoli teatrali e di prosa del Festival dei Due Mondi 2019

Come annunciato, sarà decisamente a tinte femminili il programma degli spettacoli teatrali del Festival di Spoleto. C’è grande attesa per il ritorno di Emma Dante con Esodo, che racconta del lungo cammino migratorio del Re Edipo in cui la meta è il palcoscenico. Il Complesso Monumentale di S.Nicolò diventerà uno storico cabaret di Berlino nella Repubblica di Weimar, grazie a Marisa Berenson (celebre Lady Lyndon di Kubrick). In Berlin Kabarett anche il pubblico sarà parte della scena, dova potrà anche ordinare ai tavoli dell’ottimo champagne. Nella prosa la 87enne Adriana Asti con Lucinda Childs per La Ballata della Zerlina di Broch. Un’altra drammaturgia di René de Ceccatty  che parla di amore, erotismo e la ribellione. Copppia inattesa quella di Eva Riccobono e  Andrée Ruth Shammah con Coltelli nelle galline. Si tratta del primo testo del pluripremiato drammaturgo David Harrower, che racconta di un “campagnolo” triangolo amoroso.

Una curiosità culturale lo spettacolo di teatro tradizionale giapponese il 28 e 29 con esempi di Kyogen e No. Tra gli interpreti degli antichi stili di scena nipponica, Yusuke Kanai attore fra i più rinomati del teatro no in Giappone.

La grande musica in piazza e a teatro con 62 Spoleto Festival

Dopo i grandi concerti di Fiorella Mannoia e Francesco De Gregori, il Festival di Spoleto 2019 regalerà al suo pubblico la musica in piazza Duomo di Vinicio Capossela con Cantata per le creature. Al Teatro Romano suonerà il pianoforte di Stefano Bollani che si unirà al bandolim di Hamilton De Holanda. I tradizionali Concerti di mezzogiorno e della sera, dal 29 Giugno, saranno affidati ai maggiori talenti dei conservatori italiani, vincitori del Premio Nazionale delle Arti. Concerto al Festival di Spoleto anche per l’Orchestra Filarmonica di Medellin, nell’ambito della collaborazione col Cartagena Festival Internacional de Música. E poi come detto gran finale, il 14 Luglio in Piazza Duomo con il Maestro Daniele Gatti e la musica di Verdi. Sarà anche la prima volta al Festival per il Coro e Orchestra del teatro dell’Opera di Roma.

Tra danza, mostre ed anniversari speciali

Un Festival di Spoleto che come sempre non tradisce le aspettative in termini di varietà di programma e spettacoli. A quanto detto si aggiungono tanti contributi tra cui il Ducth National Ballet, tra le più prestigiose compagnie mondiali in Ode to the master.

L’Ecole Atelier Rudra Bejart con il biografico My french Valentino ripercorrerà i primi anni di carriera del divo nella Parigi della Belle Epoque.Corrado Augias dal 12 Luglio ricorderà i 500 anni della morte di Lucrezia Borgia attraverso le testimonianze e interpretazioni di Ferdinand Gregorovius, Victor Hugo, Geneviève Chastenet.

Stesso giorno per il programma speciale per i 100 anni dalla fondazione della Bauhaus. Quest’ultima, fù definita come il “cantiere della modernità”, formando intere generazioni di artisti agli inizi del XX secolo. Per l’occasione si vedranno le ricostruzioni del Balletto triadico di Oscar Schlemmer del 1922 e Quadri di una esposizione di Vassily Kandinsky sulle musiche di Modest Musorgsky del 1928.

Programma completo e informazioni per i biglietti del Festival di Spoleto 2019 disponbili sul sito ufficiale della rassegna!

La capitale mondiale dell’arte in estate è sempre Spoleto con il Festival dei Due Mondi!

In attesa di ulteriori novità si cosa vedere in questo grande evento, assicurateVi il soggiorno nelle giornate più vive e richieste in questa città!

 

Umbria Jazz Spring 2019 – 18/22 Aprile 2019

Pasqua in Umbria con Umbria Jazz Spring 2019!

Pasqua in Umbria sulle note della Black Music: Ecco cosa prevede l’evento Umbria Jazz Spring 2019

Quando ormai la mite e suggestiva atmosfera pasquale comincia a farsi sentire da ogni punto di vista, ecco che si avvicina l’inizio dei più importanti eventi in Umbria del 2019. La particolare concomitanza del periodo di Pasqua con la primavera inoltrata rende più che mai appetibile un sano e divertente weekend da trascorrere in tutte le maggiori attrazioni cittadine e naturalistiche di questo angolo italiano. C’è ancora tempo per scoprire ed assicurarsi le migliori offerte di Pasqua 2019 a Spoleto. Intanto, è bene presentare un evento tra i più attesi, e grazia al quale questa regione è così famosa in tutto il mondo. Quest’anno il fine settimana di Pasqua coincide infatti con Umbria Jazz Spring 2019.

Tra i numerosi eventi che concorrono a diffondere la fama dell’Umbria in ogni angolo del pianeta, c’è proprio Umbria Jazz. La kermesse musicale, come è noto, si svolge ogni anno in estate a Perugia, ed anche quest’anno promette di regalare spettacoli assolutamente imperdibili. Per Umbria Jazz 2019 le date da segnare sono quelle dal 12 al 21 Luglio. Per i tanti appassionati del genere, così come della musica e dello spettacolo a 360°, c’è però già una ghiotta occasione per godersi giornate primaverili a suon di black music!

Tra il 18 ed il 22 Aprile 2019, la città di Terni sarà il centro di quei generi musicali che, partendo da una radice afro-americana, somo divenuti patrimonio globale ed espressione che accomuna ogni continente. Tra gli eventi e le manifestazioni organizzate in Umbria per questa Pasqua, il festival della black music rappresenta sicuramente una rilevante occasione per conoscere ancor di più la tradizione artistica del territorio, scoprendone al contempo i sui magici, spirituali e colorati contorni pasquali.

Eventi Pasqua in Umbria: Programma e spettacoli dell’Umbria Jazz Spring 2019

C’è dunque l’imbarazzo della scelta sul cosa fare in Umbria a Pasqua. Partendo da Spoleto, città ogni anno gettonatissima per le sentite festività pasquali, si potrà comodamente ed in breve tempo giungere a Terni. In questo modo non saranno “solo” le attrazioni storico – culturali e paesaggistiche a rendere unica la permanenza pasquale in Umbria. Il più articolato e complesso cartellone di Black Music a livello nazionale, aggiungerà un valore consistente distrubuito circa sessanta spettacoli in programma alla presenza di oltre cento artisti. 

Gli eventi saranno concentrati nel cuore della città in un armonico susseguirsi tra i generi:

  • Gospel: il più vero e sentito canto corale della fede e del sentimento religioso. Attraverso questo genere la comunità testimonia allegramente la speranza scaturita parole del Vangelo.

  • Soul: il genere che più di ogni altro rappresenta la forza delle emozioni che vengono dal profondo dell’anima. Il suo punto di forza e senza dubbio la forza trascinante del ritmo.
  • Blues: la musica come rappresentazione delle difficoltà siano esse materiali e spirituali. Chiamata “la musica del diavolo” ad essa si affidano i racconti di solitudine, malinconia e problemi quotidiani.
  • Jazz: il genere in cui anche i sopraelencati trovano una sintesi comune. Il motivo ispiratore del festival, capace di far nascere la musica più vitale al mondo. Una possibilità per affermare nuovamente come il Jazz sia un linguaggio accomunante ed universalmente riconosciuto. 

Trascorrere la Pasqua a Spoleto ed in Umbria sarà dunque anche viaggiare tra note di stili musicali tanto simili quanto densi di significati. Un evento scrupolosamente preparato anche negli spazi, senza perdere di vista la strada e la marching band. All’interno dei club sarà ricreata la tipica atmosfera del Jazz. Nel Santuario di San Francesco si canterà il Gospel. Il Soul ed il Blues troveranno manifestazione all’interno dello spazio artistico del CAOS.

Umbria Jazz Spring 2019 accessibile a tutti. La maggior parte degli show sono gratuiti e per gli altri il costo massimo è di 10 €. Consultate il Programma completo sulla pagina ufficiale!

Una Pasqua così varia e ricca di situazioni affascinanti in Umbria non si era mai vista! Approfittate delle migliori offerte con il Pacchetto Pasqua a Spoleto!

Oppure verificate la disponibilità e prenotate il Vostro Soggiorno!